Il Comitato I Malati Invisibili è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
Via Monte Suello 1/12a – 16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

Via Monte Suello 1/12A

16129 Genova (IT)

Malattie rare – Leucemia mieloide acuta secondaria a una terapia (ts-AML), venetoclax più ipometilante può migliorare outcome

I pazienti con leucemia mieloide acuta secondaria a una terapia (ts-AML) sottoposti a trattamento con un agente ipometilante più l’inibitore di Bcl-2 venetoclax, seguito dal trapianto di cellule staminali ematopoietiche, potrebbero ottenere un miglioramento degli outcome, in particolare quelli con un cariotipo definito ‘a rischio non avverso’, stando ai risultati di uno studio retrospettivo pubblicato sulla rivista Journal of Hematology & Oncology

Il trattamento con l’ipometilante più venetoclax ha prodotto un tasso di remissione completa (CR) e remissione completa con recupero ematologico incompleto (CRi) del 39%, a fronte di un tasso corrispondente del 25% osservato nei pazienti sottoposti alla chemioterapia intensiva o a una terapia a bassa intensità senza venetoclax (P = 0,02). La sopravvivenza globale (OS) a un anno è risultata rispettivamente del 34% e 17% (P = 0,05).

Gli autori hanno analizzato un totale di 562 pazienti trattati in prima linea, 271 dei quali sottoposti a una chemioterapia intensiva, 237 a una terapia a bassa intensità senza venetoclax e 54 al trattamento con la combinazione dell’ipometilante più venetoclax. L’età mediana del campione era di 69 anni e i pazienti avevano effettuato una mediana di una terapia precedente per una neoplasia ematologica antecedente. Inoltre, il 41% dei pazienti aveva effettuato due o più terapie prima della diagnosi di leucemia mieloide acuta e il 10% era stato sottoposto a un precedente trapianto allogenico per curare una sindrome mielodisplastica o una leucemia mielomonocitica cronica…”

Per continuare a leggere la news originale:

Fonte: “Leucemia mieloide acuta secondaria, terapia di prima linea con venetoclax più ipometilante può migliorare gli outcome”, PHARMASTAR

Tratto da: https://www.pharmastar.it/news//oncoemato/leucemia-mieloide-acuta-secondaria-terapia-di-prima-linea-con-venetoclax-pi-ipometilante-pu-migliorare-gli-outcome-37751