a

Il Comitato I Malati Invisibili ONLUS è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
Via Monte Suello 1/12a – 16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

Via Monte Suello 1/12A

16129 Genova (IT)

Artrite reumatoide – Dopo sospensione terapia di combinazione, tocilizumab è efficace anche da solo

“I pazienti con artrite reumatoide (AR) in trattamento con terapia di combinazione comprendente tocilizumab (TCZ), una volta raggiunta la condizione di ridotta attività di malattia, possono interrompere il trattamento con metotressato (MTX) e mantenere il controllo di malattia

Sono queste le conclusioni del trial COMP-ACT, presentate in occasione dell’ultimo congresso EULAR, condotto in pazienti con artrite reumatoide e risposta insoddisfacente al metotressato.

Che cosa è tocilizumab?
TCZ è un inibitore di IL-6, attualmente approvato per l’impiego, in combinazione o senza MTX, nell’AR moderata-grave in pazienti adulti che hanno avuto una risposta inadeguata o sono intolleranti ad una precedente terapia con uno o più DMARD o farmaci anti-TNF.
Di recente ha ottenuto dalla FDA statunitense l’approvazione al trattamento dei pazienti adulti affetti da arterite a cellule giganti.
Il farmaco è anche indicato nella UE per il trattamento dell’artrite idiopatica giovanile.

Quale è stato il razionale dello studio?
Come è noto MTX è un farmaco frequentemente somministrato in combinazione con farmaci biologici per il trattamento dell’AR. E’ possibile, tuttavia, arrivare successivamente all’interruzione della sua somministrazione in ragione della comparsa di reazioni di intolleranza o di fenomeni di non-aderenza al trattamento, come pure in ragione di considerazioni che suggeriscono di ridurre l’aggressività del trattamento di combinazione al raggiungimento del controllo di malattia.

Per quanto studi precedenti abbiano dimostrato l’efficacia della monoterapia con l’inibitore di IL-6, non erano ancora noti gli effetti della interruzione del trattamento con MTX nei pazienti con buona risposta clinica alla terapia di combinazione utilizzata fino al raggiungimento di questo traguardo.

Di qui il nuovo studio, che si è proposto di valutare la non inferiorità della monoterapia con TCZ rispetto alla terapia di combinazione (TCZ-MTX) nel mantenimento della risposta clinica in pazienti che avevano raggiunto una ridotta attività di malattia con la terapia di combinazione.

Qual è stato il disegno dello studio?
I ricercatori hanno reclutato pazienti USA con AR che mostravano risposta insoddisfacente al trattamento con MTX…”

Per continuare a leggere la news originale:

Fonte: “Artrite reumatoide, dopo sospensione terapia di combinazione, tocilizumab è efficace anche da solo”, PHARMASTAR

Tratto dahttps://www.pharmastar.it/news/orto-reuma/artrite-reumatoide-dopo-sospensione-terapia-di-combinazione-tocilizumab-efficace-anche-da-solo-24500