a

Il Comitato I Malati Invisibili ONLUS è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
Via Monte Suello 1/12a – 16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

Via Monte Suello 1/12A

16129 Genova (IT)

Artrite psoriasica – Upadacitinib risulta superiore sia al placebo che ad adalimumab anche in base al punteggio RAPID3

Nei pazienti affetti da artrite psoriasica (PsA), upadacitinib è stato in grado di dimostrare miglioramenti di attività di malattia di maggiore entità rispetto sia al placebo che ad adalimumab, valutati in base al punteggio RAPID3 (the Routine Assessment of Patient Index Data 3). Queste le conclusioni di un’analisi post-hoc del trial registrativo SELECT-PsA1, presentata nel corso del Congresso annuale ACR

Informazioni sul punteggio RAPID3 e obiettivi dell’analisi 
RAPID3 (Routine Assessment of Patient Index Data 3) è un indice di attività di malattia calcolato sulla base di 3 misure riferite dai pazienti: 1) la funzione fisica; 2) il dolore percepito; 3) la valutazio e globale dello stato di salute fatta dal paziente (PtGA).

Questo strumento che misura l’attività di malattia è applicabile a diverse condizioni reumatologiche, compresa l’artrite psoriasica (PsA), ricordano i ricercatori nella presentazione del lavoro al Congresso. Inoltre, RAPID3 correla con altre misure cliniche composite di attività di malattia.

L’obiettivo di questa analisi post-hoc dello studio SELECT-PsA 1 è stato quello di valutare gli effetti a lungo termine di upadacitinib (Jak inibitore) e di adalimumab (farmaco anti-TNF) sui punteggi RAPID3 in pazienti con PsA.

Disegno dello studio
I ricercatori hanno preso in considerazione i dati del trial SELECT-PsA 1, nel corso del quale pazienti con PsA e risposta insoddisfacente o intolleranza a ≥1 DMARD non biologico erano stati randomizzati a trattamento con upadacitinib 15mg o 30mg una volta al giorno, adalimumab 40mg a settimane alterne (wk), o placebo (PBO; passati ad upadacitinib 15 o 30 mg a 24 settimane).

Gli endpoint RAPID3 sono stati calcolati utilizzando i punteggi del dolore percepito, la valutazione globale dell’attività di malattia del paziente e l’HAQ-DI (ciascuno riparametrato secondo una scala 0-10 in questa analisi); sommati insieme, i punteggi RAPID3 potevano avere un’escursione da 0 (nessuna attività di malattia) a 30 (attività grave)…”

Per continuare a leggere la news originale:

Fonte: “Artrite psoriasica, upadacitinib superiore ad adalimumab anche in base a punteggio RAPID3 #ACR2022”, PHARMASTAR

Tratto da: https://www.pharmastar.it/news//orto-reuma/artrite-psoriasica-upadacitinib-superiore-ad-adalimumab-anche-in-base-a-punteggio-rapid3-acr2022-40109/