a

Il Comitato I Malati Invisibili ONLUS è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
Via Monte Suello 1/12a – 16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

Via Monte Suello 1/12A

16129 Genova (IT)

Cancro al seno HR+/HER2- metastatico, sacituzumab govitecan migliora sopravvivenza di pazienti già pesantemente trattati

Il trattamento con il nuovo coniugato anticorpo-farmaco (ADC) acituzumab govitecan produce benefici statisticamente e clinicamente significativi sia di sopravvivenza globale (OS) sia dei tassi di risposta rispetto alla chemioterapia scelta dal medico nei pazienti con carcinoma mammario localmente avanzato e inoperabile o metastatico, positivo per i recettori ormonali (HR+) e negativo per il recettore HER2 (HER2-) fortemente pretrattati e resistenti alla terapia endocrina. Lo evidenziano i dati della seconda analisi ad interim dello studio di fase 3 TROPiCS-02 (NCT03901339), presentati da poco al congresso della European Society for Medical Oncology (ESMO), a Parigi

In questa popolazione, il trattamento con sacituzumab govitecan si è associato a una riduzione relativa del 21% del rischio di morte e a un miglioramento di 3,2 mesi dell’OS rispetto alla chemioterapia.

«Questo vantaggio statisticamente significativo e clinicamente rilevante offerto da sacituzumab govitecan rispetto alla chemioterapia scelta del medico osservato nello studio TROPiCS-02 supporta l’uso di sacituzumab govitecan come nuova terapia per i pazienti con tumore della mammella metastatico HR+/HER2- resistenti alla terapia endocrina», ha dichiarato durante la sua presentazione la m autrice dello studio, Hope S. Rugo, dell’Helen Diller Family Comprehensive Cancer Center dell’Università della California di San Francisco (UCSF).

«I pazienti con neoplasia mammaria metastatica HR+/HER2- fortemente pretrattati hanno limitate opzioni terapeutiche e una cattiva prognosi», ha ricordato Giampaolo Bianchini, Responsabile del Gruppo Mammella nel Dipartimento di Oncologia dell’IRCCS Ospedale San Raffaele, il centro che ha arruolato più pazienti in Italia. «Sacituzumab govitecan dimostra in questa popolazione non solo di rallentare il rischio di progressione, ma anche di prolungare significativamente la sopravvivenza, ritardando il deterioramento della qualità di vita generale»…”

Per continuare a leggere la news originale:

Fonte: “Carcinoma mammario HR+/HER2- metastatico, sacituzumab govitecan migliora la sopravvivenza di pazienti già pesantemente trattati. #ESMO22”, PHARMASTAR

Tratto da: https://www.pharmastar.it/news//oncoemato/carcinoma-mammario-hr-her2-metastatico-sacituzumab-govitecan-migliora-la-sopravvivenza-di-pazienti-gi-pesantemente-trattate-39264/