Il Comitato I Malati Invisibili è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
Via Monte Suello 1/12a – 16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

Via Monte Suello 1/12A

16129 Genova (IT)

Tumori – Necessario accesso più rapido alle cure con approvazione simultanea di farmaco e relativo test

L’approvazione del farmaco e del corrispondente test nel nostro Paese non sono contestuali, determinando spesso ritardi nell’accesso reale alle terapie innovative che richiedono l’esecuzione di queste analisi molecolari. Dall’altro lato, i marcatori tumorali sono un esempio paradigmatico di esami diagnostici gravati da un alto rischio di inappropriatezza per eccesso. Sono infatti test poco invasivi, da qui l’utilizzo spesso improprio in persone sane con l’obiettivo di diagnosticare precocemente il cancro. L’appello viene dagli specialisti in un media tutorial oggi a Milano per presentare l’impegno di AstraZeneca in oncoematologia

 L’azienda ha creato una piattaforma unica, AZFastNet, con l’obiettivo di rendere più agevole e diffuso l’accesso ai test di diagnosi molecolare e favorire un approccio multidisciplinare alla prevenzione e al trattamento dei tumori. Nel 2020, nonostante l’impatto importante della pandemia COVID-19, AstraZeneca ha coinvolto nei suoi studi clinici 200 centri in 10 Regioni e anche, attraverso il sostegno alla ricerca indipendente, ha raggiunto oltre 20mila pazienti in più di 14 Regioni con l’attivazione di oltre 80 nuove sperimentazioni. L’azienda punta alla leadership nel trattamento di 4 aree terapeutiche: tumori del polmone, dell’ovaio, della mammella ed ematologici. Per fare questo utilizza 6 piattaforme di ricerca, una (Tumor Drivers and Resistance) dedicata proprio allo sviluppo di terapie che bloccano le mutazioni responsabili della crescita tumorale e i meccanismi di resistenza che permettono alle cellule tumorali di sfuggire alla terapia, con l’obiettivo di migliorare la sopravvivenza.

“I biomarcatori sono l’insieme delle caratteristiche genetico-molecolari dei tumori, necessarie per definire la terapia personalizzata – spiega Saverio Cinieri, Direttore Oncologia Medica e Breast Unit dell’Ospedale ‘Perrino’ di Brindisi e Presidente eletto Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) -. Le linee guida nazionali ed internazionali suggeriscono che, nei tumori per i quali sono disponibili farmaci a bersaglio molecolare, la determinazione dei biomarcatori debba essere eseguita contestualmente alla valutazione istologica della malattia, per fornire al clinico tutte le informazioni necessarie per la scelta della migliore terapia. A differenza di quanto accade negli Stati Uniti, dove l’ente regolatorio (FDA) approva contestualmente i farmaci a bersaglio molecolare ed i test necessari per identificare il biomarcatore corrispondente, l’agenzia regolatoria europea (EMA) è deputata alla sola approvazione dei farmaci…”

Per continuare a leggere la news originale:

Fonte: “Oncologia di precisione, serve accesso più rapido alle cure con approvazione simultanea di farmaco e relativo test”, PHARMASTAR

Tratto da: https://www.pharmastar.it/news//oncoemato/oncologia-di-precisione-serve-accesso-pi-rapido-alle-cure-con-approvazione-simultanea-di-farmaco-e-relativo-test-36615