Il Comitato I Malati Invisibili è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
Via Monte Suello 1/12a – 16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

Via Monte Suello 1/12A

16129 Genova (IT)

Malattie infiammatorie croniche intestinali – Raccomandazioni, le prime del genere in Italia, per per la presa in carico dei pazienti in età pediatrica, adolescenziale e giovane adulta

Le prime del genere in Italia, per la presa in carico dei pazienti in età pediatrica, adolescenziale e giovane adulta, sono state presentate da una Commissione di Consenso, Amici Onlus, in collaborazione con il Centro di Ricerca Engage Minds Hub dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e l’Iss. Complessità, multifattorialità, territorio e nuove tecnologie, alcune delle parole chiave. LE RACCOMANDAZIONI

24 GIU – Dalla necessità di una presa in carico multi prospettica, inclusiva di obiettivi psicologici, sociali e assistenziali, alla costruzione di un’organizzazione dell’intervento clinico in ottica multidisciplinare. E ancora, dal potenziamento delle IBD Unit, punto cardine per la presa in carico del paziente, fino al più ampio coinvolgimento attivo del paziente e del caregiver attraverso interventi di sostegno e promozione dell’engagement.

Sono queste solo alcune delle “Raccomandazioni per la promozione dell’Engagement e la presa in carico dei bisogni psico-socio-assistenziali delle persone con MICI”, le prime del genere, in Italia, presentate oggi dalla Commissione di Consenso sulle buone prassi di promozione dell’Engagement e di presa in carico dei bisogni psico-socio-assistenziali delle persone con Malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI)”, Amici Onlus, in collaborazione con il Centro di Ricerca EngageMinds Hub dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e con l’Istituto Superiore di Sanità.

Il documento italiano, frutto di otto mesi di lavoro condotto dalla Commissione composta da 40 persone, risponde ad una tendenza evidente nella letteratura scientifica internazionale che, al riguardo, sta convergendo, sempre più negli ultimi anni, verso il paradigma dell’engagement e della proattività da parte del paziente che diventerebbe in questo modo co – protagonista insieme al gastroenterologo, del proprio percorso di miglioramento…”

Per continuare a leggere la news originale:

Fonte: “Malattie infiammatorie croniche intestinali. Le Raccomandazioni per promuovere buone prassi di engagement e presa in carico”, Quotidiano sanità

Tratto da: http://www.quotidianosanita.it/scienza-e-farmaci/articolo.php?articolo_id=86438