Il Comitato I Malati Invisibili è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
Via Monte Suello 1/12a – 16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

Via Monte Suello 1/12A

16129 Genova (IT)

Infarti del miocardio – Un antinfiammatorio li riduce

Ridurre l’infiammazione può avere un effetto positivo nei pazienti con storia di infarto del miocardio: quella che fino ad oggi era una affascinante ipotesi adesso è realtà. Ce lo confermano i dati dello studio di fase III CANTOS che ha valutato l’uso di canakinumab appena presentati al congresso europeo di cardiologia in corso a Barcellona e pubblicati contemporaneamente sul NEJM

Dal 1994, data di pubblicazione dello studio 4S condotto con la simvastatina, che ha segnato l’inizio di una nuova era nel trattamento dei pazienti con sindrome coronarica acuta, lo studio CANTOS rappresenta il primo vero passo avanti di tipo concettuale.

Questo studio, iniziato nel 2011 e completato ne giugno del 2017, ha valutato un approccio completamente nuovo ai pazienti con sindrome coronarica acuta. Accanto alla terapia per la riduzione dei livelli di colesterolo e alle terapie cardiologiche di base, i pazienti sono stati sottoposti a una terapia con un potente antiinfiammatorio che agisce inibendo i livelli di IL-1beta (IL-1β), il canakinumab, un anticorpo monoclonale completamente umano già in commercio ma finora utilizzato solo per rare patologie  reumatiche caratteristiche dell’età pediatrica e associate a una sovra produzione di interleuchina -1.

“Questi dati rappresentano un traguardo importante in oltre di due decenni di ricerca, durante i quali si è cercato di capire come mai più della metà degli attacchi di cuore si verificano in persone che non presentano livelli elevati di colesterolo”, ha spiegato Dr Paul M. Ridker, MD, direttore del Centro per le Malattie Cardiovascolari del Brigham and Women’s Hospital di Boston, l’autore principale dello studio CANTOS.

Il trial aveva l’obiettivo di valutare l’efficacia della riduzione dell’infiammazione nel diminuire il rischio di un secondo evento cardiovascolare in pazienti che avevano già presentato in passato un attacco cardiaco e con aterosclerosi con una importante componente infiammatoria residua…”

Per continuare a leggere la news originale:

Fonte: “Un antinfiammatorio riduce gli infarti del miocardio: lo studio CANTOS apre nuove prospettive di cura per le malattie cardiovascolari”, PHARMASTAR

Tratto dahttps://www.pharmastar.it/news/cardio/un-antinfiammatorio-riduce-gli-infarti-del-miocardio-lo-studio-cantos-apre-nuove-prospettive-di-cura-per-le-malattie-cardiovascolari-24654