Il Comitato I Malati Invisibili è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
Via Monte Suello 1/12a – 16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

Via Monte Suello 1/12A

16129 Genova (IT)

Ca al polmone – Chemioterapia adiuvante potrebbe essere sostituita da gefitinib

“Nuovi risultati potrebbero portare gli oncologi a ripensare la terapia adiuvante per i pazienti con un cancro al polmone non a piccole cellule resecato, in stadio II-IIIA. Infatti, lo standard di cura abituale è la chemioterapia standard basata sul cisplatino, ma un nuovo studio presentato al congresso ASCO di quest’anno ha evidenziato che nei pazienti con mutazioni dell’EGFR la terapia mirata con l’inibitore delle tirosin chinasi dell’EGFR gefitinib è migliore

Si tratta dello studio ADJUVANT (CTONG 1104), un trial multicentrico cinese realizzato dal Chinese Thoracic Oncology Group, di cui si è discusso anche in conferenza stampa.
“Gli autori hanno riportato una differenza notevole fra i due trattamenti nella sopravvivenza libera da malattia” ha osservato Tony Mok, della Chinese University di Hong Kong, non coinvolto nello studio.

“Lo standard attuale non è quello di offrire un TKI dell’EGFR come terapia adiuvante dopo la resezione di un cancro al polmone con EGFR-mutato in stadio precoce, ma lo studio ADJUVANT ci aiuta a ripensare a questo paradigma, vale a dire che ai pazienti si potrebbe risparmiare la tossicità della chemioterapia adiuvante e comunque ottenere una sopravvivenza libera da malattia superiore” ha detto l’oncologo.

Terapia mirata anche in stadio iniziale
Lo studio rappresenta una “chiara evidenza del fatto che possiamo usare la medicina di precisione, non solo nei pazienti con un tumore in stadio avanzato, ma anche in quelli con malattia in stadio iniziale” ha dichiarato Bruce E. Johnson, del Dana-Farber Cancer Institute di Boston, nonché presidente eletto dell’ASCO.
Circa il 30% dei pazienti con un carcinoma polmonare non a piccole cellule – circa 140.000 persone in tutto il mondo, secondo le stime dell’ASCO – è portatore di una mutazione dell’EGFR e potrebbe beneficiare del trattamento adiuvante con un farmaco mirato contro l’EGFR per ridurre le probabilità di recidiva…”

Per continuare a leggere la news originale:

Fonte: “Ca al polmone, chemio adiuvante potrebbe essere sostituita da gefitinib”, PHARMASTAR

Tratto dahttps://www.pharmastar.it/news/oncoemato/ca-al-polmone-chemio-adiuvante-potrebbe-essere-sostituita-da-gefitinib-24353