Il Comitato I Malati Invisibili è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
Via Monte Suello 1/12a – 16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

Via Monte Suello 1/12A

16129 Genova (IT)

Colite ulcerosa – In Fase 3 con mirikizumab risposta clinica in due terzi dei pazienti

Quasi due terzi dei pazienti con colite ulcerosa trattati con l’anticorpo monoclonale mirikizumab rispondono al trattamento dopo 12 settimane, secondo i risultati del trial di fase III LUCENT-1 presentati al congresso della European Crohn´s and Colitis Organisation (ECCO) 2022

Mirikizumab è un anticorpo monoclonale IgG4 umanizzato che si lega alla subunità p19 dell’interleuchina 23 ed è in studio per il trattamento di malattie immuno-mediate, tra cui la colite ulcerosa e la malattia di Crohn.

«Chi soffre di colite ulcerosa ha un’infiammazione della mucosa del colon che causa sanguinamento rettale, frequente necessità di recarsi in bagno e un bisogno urgente di evacuare» ha affermato Geert D’Haens, autore principale dello studio e professore di gastroenterologia presso gli Amsterdam University Medical Centers. «Mirikizumab ha il potenziale per ridurre significativamente l’infiammazione, aiutare le persone a raggiungere la remissione e ridurre l’urgenza intestinale, un nuovo risultato incentrato sul paziente mai valutato prima in uno studio di fase III sulla colite ulcerosa».

Lo studio di fase III LUCENT-1
Si tratta di un trial di induzione multicentrico, randomizzato, in doppio cieco e controllato con placebo sull’efficacia di mirikizumab in 1.162 pazienti con colite ulcerosa attiva di grado da moderato a grave che hanno precedentemente fallito le terapie convenzionali e/o biologiche e/o con JAK inibitori…”

Per continuare a leggere la news originale:

Fonte: “Colite ulcerosa, con mirikizumab risposta clinica nei due terzi dei pazienti #ECCO2022”, PHARMASTAR

Tratto da: https://www.pharmastar.it/news//gastro/colite-ulcerosa-con-mirikizumab-risposta-clinica-nei-due-terzi-dei-pazienti-ecco2022-37603