Il Comitato I Malati Invisibili è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
Via Monte Suello 1/12a – 16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

Via Monte Suello 1/12A

16129 Genova (IT)

Ipertrigliceridemia in pazienti magri – Negli uomini è spesso associata la sindrome delle apnee ostruttive del sonno

In uomini con normale misura della circonferenza vita, le metriche delle apnee ostruttive del sonno (OSA) sono risultate associate positivamente ai livelli sierici dei trigliceridi, secondo i risultati di uno studio pubblicato su “Nature and Science of Sleep”

Un gruppo di ricercatori – coordinato da Layla B. Guscoth, del South Australian Health and Medical Research Institute e della Facoltà di Salute e Scienze Mediche dell’Università di Adelaide (Australia) – ha valutato i partecipanti di genere maschile non selezionati che vivono in comunità negli studi MAILES (Men Androgen Inflammation Lifestyle Environment and Stress) e FAMAS (Florey Adelaide Male Aging Study).

Hanno esaminato l’associazione di OSA e ipossiemia notturna con i profili lipidici sierici e hanno suggerito che i profili di rischio cardiometabolico di individui sani con OSA richiedono attenzione clinica.

L’ostruzione parziale o completa delle vie aeree superiori riscontrata nella sindrome delle OSA provoca ipossia intermittente, accompagnata in modo variabile da frammentazione del sonno e sonnolenza diurna. Mentre la prevalenza di OSA da moderata a grave era del 49,7% nella coorte Swiss HypnoLaus, questa era del 74,7% negli uomini di età =/> 40 anni (o con sindrome OSA secondo i criteri ICD-3).

Guscoth e colleghi sottolineano, tuttavia, che le OSA sono spesso sottodiagnosticate o non riconosciute in vari contesti clinici e che le OSA si sono rivelate implicate nello sviluppo di condizioni cardiovascolari. Inoltre, l’ipossiemia notturna derivante dall’OSA durante il sonno REM (Rapid Eye Movement) è associata longitudinalmente alle malattie cardiovascolari e ai suoi fattori di rischio (ipertensione, insulino-resistenza, sindrome metabolica e aterosclerosi carotidea)…”

Per continuare a leggere la news originale:

Fonte: “Ipertrigliceridemia rilevata in pazienti magri (e non negli obesi) con sindrome delle apnee ostruttive del sonno”, PHARMASTAR

Tratto da: https://www.pharmastar.it/news//cardio/ipertrigliceridemia-rilevata-in-pazienti-magri-e-non-negli-obesi-con-sindrome-delle-apnee-ostruttive-del-sonno-36985