Il Comitato I Malati Invisibili è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
Via Monte Suello 1/12a – 16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

Via Monte Suello 1/12A

16129 Genova (IT)

Cardiomiopatia aritmogena (ACM), una delle cause più frequenti di morte cardiaca improvvisa – Scoperto il ruolo del colesterolo cattivo nei giovani

Una ricerca del Monzino pubblicata su “Embo Molecular Medicine”, rivela che il colesterolo ossidato LDL può aggravare la cardiomiopatia aritmogena, la causa più frequente della morte improvvisa nei giovani

Milano – Uno studio coordinato dal Centro Cardiologico Monzino rivela che la porzione ossidata del colesterolo “cattivo” (LDL) è un fattore precipitante della cardiomiopatia aritmogena (ACM), una delle cause più frequenti delle morti cardiache improvvise. I ricercatori hanno infatti dimostrato che i pazienti con un’alta concentrazione di LDL ossidato nel sangue possono soffrire di forme più gravi di disfunzione ventricolare e di eventi aritmici maggiori, tipici di ACM. Il lavoro è stato appena pubblicato sulla rivista Embo Molecular Medicine.

La ACM è una malattia genetica che spesso colpisce giovani atleti. È causata da una mutazione nel DNA che provoca un progressivo accumulo di grasso nel cuore, impedendone il corretto funzionamento e dando origine a cortocircuiti elettrici che possono determinare l’arresto cardiaco. È caratterizzata da una graduale sostituzione del miocardio ventricolare con il tessuto fibro-adiposo e si manifesta con fenomeni aritmici che variano dalla extrasistolia ventricolare isolata alla tachicardia o la fibrillazione ventricolare, e nel tempo dà origine a scompenso cardiaco.

Le terapie sintomatiche esistono – farmaci antiaritmici, ablazione del substrato aritmico con radiofrequenza, impianto di un defibrillatore automatico, farmaci anti-scompenso – ma la sfida è identificare e correggere fattori di rischio che agiscano da spie per evitare le manifestazioni severe della malattia, in primis l’arresto cardiaco improvviso.

“Sappiamo che esistono diversi geni associati alla cardiomiopatia aritmogena, per esempio il gene che codifica per la proteina placofilina 2, PKP2 – spiegano Elena Sommariva e Ilaria Stadiotti, prime autrici del lavoro, Ricercatrici dell’Unità di Biologia Vascolare e Medicina Rigenerativa al Monzino – Tuttavia la variabilità nella penetranza ed espressività di tali geni ci ha suggerito che accanto ai fattori genetici vi siano anche fattori esterni al DNA. Andando a caccia di questi elementi abbiamo scoperto che le forme ossidate delle LDL (lipoproteine a bassa densità), il famoso “colesterolo cattivo”, aumentano l’adipogenesi, cioè la produzione di grassi, attraverso un meccanismo che implica sovra-attivazione di PPARγ, il gene responsabile dell’accumulo di lipidi”…”

Per continuare a leggere la news originale:

Fonte: “Scoperto il ruolo del colesterolo cattivo nella morte improvvisa dei giovani”, insalutenews

Tratto da: https://www.insalutenews.it/in-salute/scoperto-il-ruolo-del-colesterolo-cattivo-nella-morte-improvvisa-dei-giovani/