Il Comitato I Malati Invisibili è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
Via Monte Suello 1/12a – 16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

Via Monte Suello 1/12A

16129 Genova (IT)

Malattie rare nei bambini – Porpora trombocitopenica autoimmune (ITP), gli sport consentiti ai giovani pazienti

“L’attività sportiva, fonte di benessere fisico e mentale per tutti, va considerata in modo particolare per alcuni pazienti fragili, come le persone con trombocitopenia immune (Itp), una malattia del sangue che può causare eventi emorragici. Nota anche come porpora trombocitopenica idiopatica o immune, o anche piastrinopenia immune, la Itp rappresenta una rara forma di malattia autoimmune della coagulazione.

A causa di un sistema immunitario che produce anticorpi contro le proprie stesse piastrine e le distrugge, la Itp si caratterizzata per una carenza di piastrine nel sangue (piastrinopenia o trombocitopenia) con valori <100.000/mm3, in assenza di altre patologie associate. I sintomi emorragici variano sensibilmente e sono spesso direttamente correlati al valore di piastrine: si può passare da sanguinamenti muco-cutanei (petecchie ed ecchimosi) a gravi emorragie gastrointestinali o cerebrali, molto più rare (0,1-0,4% nei pazienti con conta piastrinica <20.000/mmc) ma potenzialmente fatali. In circa un terzo dei casi, la malattia si sviluppa in maniera asintomatica.

Pur essendo disponibili le Linee Guida nazionali per la gestione dei pazienti con Itp, le raccomandazioni sulle attività quotidiane e sportive per i pazienti pediatrici si basano soprattutto sul ‘buonsenso’ e sull’esperienza del singolo Centro di cura. “Dovendo affrontare una patologia per la quale non si conoscono i tempi di risoluzione, è importante che i pazienti, ma anche i loro genitori, siano adeguatamente informati circa le possibili attività quotidiane, compreso il gioco e lo sport”, spiega ad ‘Alleati per la Salute’ Marco Spinelli, medico dell’Uo Ematologia Pediatrica – Day Hospital Clinica Pediatrica, all’ospedale S. Gerardo di Monza. L’approccio deve quindi considerare l’età e il tipo di traumatismi in cui si può incorrere.

Il rischio principale per i pazienti con Itp deriva dal fatto che semplici traumi e infortuni possono rappresentare un serio pericolo per la salute. Infatti, la conseguenza delle piastrine basse, condizione tipica per chi è affetto da questa patologia, è l’alterazione dei corretti meccanismi di coagulazione del sangue e, di conseguenza, dell’arresto delle emorragie…”

Per continuare a leggere la news originale:

Fonte: “Trombocitopenia immune, ecco gli sport consentiti ai giovani pazienti”, adnkronos salute

Tratto da: https://www.adnkronos.com/trombocitopenia-immune-ecco-gli-sport-consentiti-ai-giovani-pazienti_3WGY6RWSMCU0Jlnmpi173b