Il Comitato I Malati Invisibili è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
Via Monte Suello 1/12a – 16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

Via Monte Suello 1/12A

16129 Genova (IT)

Ipercolesterolemia – In 4 studi di fase 3 il trattamento con l’acido bempedoico non peggiora controllo glicemico né aumenta incidenza del diabete di tipo 2

In un’analisi di quattro studi di fase 3, l’acido bempedoico – farmaco orale first-in-class per la riduzione dei lipidi, che agisce inibendo l’adenosina trifosfato (ATP) citrato liasi (ACL) – non ha peggiorato il controllo glicemico né ha aumentato l’incidenza del diabete di tipo 2. I risultati di questa analisi sono stati esposti nel corso delle American Diabetes Association (ADA) 80th Scientific Sessions, svolte in forma ‘virtuale’ (online)

«Lo studio attuale è importante in quanto mostra la coerenza complessiva di efficacia e sicurezza dell’acido bempedoico indipendentemente dallo stato glicemico e il rilievo di nessun aumento di diabete di nuova insorgenza» ha detto Lawrence A. Leiter dell’Università di Toronto (Ontario, Canada) nella sua presentazione orale.

C’è interesse nel modo in cui i farmaci che abbassano i lipidi possono influenzare la glicemia perché «alcune meta-analisi hanno mostrato un aumento del 10% del rischio di diabete di nuovo esordio negli utilizzatori di statine, anche se l’aumento assoluto del rischio è un caso aggiuntivo ogni 255 pazienti trattati (in una condizione in cui ci si aspetta la prevenzione di 5,4 eventi cardiovascolari dovuta alla statina)» ha osservato.

Efficacia e sicurezza indipendenti dallo stato glicemico
«Le linee guida attuali supportano l’abbassamento aggressivo del colesterolo LDL nei pazienti con diabete, dato l’aumento del rischio di morbilità cardiovascolare e mortalità» ha ricordato Leiter.

L’acido bempedoico è stato approvato di recente da FDA ed EMA come aggiunta alla dieta e alla terapia con statina alla massima dose tollerata per trattare gli adulti con malattia cardiovascolare aterosclerotica (ASCVD) e/o ipercolesterolemia familiare eterozigote (HeFH) che richiedono un ulteriore abbassamento del colesterolo LDL, anche se il suo effetto sulla morbilità cardiovascolare e sulla mortalità non è stato determinato, specificano le indicazioni di prescrizione.

In ogni caso, non era noto finora come l’acido bempedoico influisse sui livelli di colesterolo-LDL o emoglobina glicata (HbA1c) in pazienti con diabete, prediabete o normoglicemia…”

Per continuare a leggere la news originale:

Fonte: “Ipercolesterolemia, l’acido bempedoico non peggiora il controllo glicemico né aumenta l’incidenza del diabete di tipo 2”, PHARMASTAR

Tratto da: https://www.pharmastar.it/news//cardio/ipercolesterolemia-lacido-bempedoico-non-peggiora-il-controllo-glicemico-n-aumenta-lincidenza-del-diabete-di-tipo-2-32674