Il Comitato I Malati Invisibili è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
Via Monte Suello 1/12a – 16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

Via Monte Suello 1/12A

16129 Genova (IT)

Ictus – Circolo sanguigno collaterale “decide” su terapia da seguire

Uno studio condotto negli Usa pone in evidenza l’importanza del circolo collaterale, a livello di leptomeningi, quale fattore discriminante per avviare o meno il paziente colpito da ictus a una stroke unit per la trombectomia endovascolare. Lo studio è stato pubblicato da Jama Neurology

3d rendered illustration – male brain

(Reuters Health) – Un circolo collaterale insufficiente costituisce un fattore importante e determinante nell’evoluzione della situazione clinica dei pazienti con ictus ischemico, giacché può rappresentare il discrimine per il trasferimento o meno del paziente presso una stroke unit per la trombectomia. È quanto emerge d uno studio retrospettivo pubblicato da Jama Neurology.

“Quando arriva il paziente – dice Lee H. Schwamm del Massachusetts General Hospital e della Harvard Medical School di Boston, autore principale dello studio – dobbiamo decidere se somministrare rapidamente tPA (tissue plasminogen activator) oppure orientarci diversamente. Bisogna eseguire un efficace e veloce triage iniziale sui pazienti colpiti da ictus cerebrale che devono essere inquadrati in una delle 4 categorie basate sulla combinazione tra ammissibilità o meno alla terapia con tPA e sulla presenza o meno di LVO (occlusione di grandi vasi). Ai pazienti che possono ricevere tPA la terapia deve essere somministrata con la massima urgenza; dopo la somministrazione saranno sottoposti ad angiografia CT (CTA). Se invece presentano LVO, allora bisogna trasferirli presso la più vicina struttura in grado di eseguire una trombectomia endovascolare”.

Prevedere l’evoluzione dell’ictus consente una migliore selezione dei pazienti che hanno realmente bisogno di un trasferimento in centri capaci di eseguire la trombectomia limitando i trasferimenti inutili. La gravità clinica dell’ictus è legata soprattutto alla progressione dell’infarto cerebrale ma anche ad altri fattori poco conosciuti.

Lo studio
Schwamm e colleghi hanno cercato di determinare i fattori associati all’evoluzione concentrandosi specificamente sul flusso sanguigno nelle leptomeningi. Hanno analizzato in modo retrospettivo i dati relativi a 316 pazienti colpiti da ictus cerebrale con sindrome del circolo anteriore. In modelli multivariati, la gravità clinica dell’ictus (valutata presso l’ospedale di riferimento) e l’insufficiente flusso sanguigno collaterale (verificato con CTA presso il centro capace ad eseguire la trombectomia) hanno predetto in modo indipendente la progressione dell’infarto cerebrale…”

Per continuare a leggere la news originale:

Fonte: “Ictus: circolo sanguigno collaterale “decide” sulla terapia da seguire”, Quotidiano sanità

Tratto dahttp://www.quotidianosanita.it/scienza-e-farmaci/articolo.php?articolo_id=54095