Il Comitato I Malati Invisibili è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
Via Monte Suello 1/12a – 16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

Via Monte Suello 1/12A

16129 Genova (IT)

Studio PEGASUS – Ticagrelor riduce del 29% rischio di morte cardiovascolare

Al congresso dell’ESC di Barcellona sono stati presentati i risultati di una nuova sotto-analisi dei dati del trial di Fase III PEGASUS-TIMI 54 che dimostrano una riduzione del 29% del rischio di morte cardiovascolare (p=0,0041) grazie al trattamento con ticagrelor, 
verso placebo, nei pazienti che assumono aspirina a bassa dose, ma comunque ad alto rischio di evento aterotrombotico

Ai pazienti è stato somministrato ticagrelor 60 mg due volte al giorno entro due anni da un infarto del miocardio, o entro un anno dall’interruzione di una terapia con inibitori dell’aggregazione piastrinica a base di adenosina difosfato (ADP).

Gli ultimi risultati evidenziano un potenziale beneficio protettivo dal punto di vista cardiovascolare, associato a un trattamento a più lungo termine a base di ticagrelor 60 mg, rispetto al periodo di trattamento standard post-evento di 12 mesi.

Il rapporto favorevole rischio-beneficio di una doppia terapia anti-aggregante con ticagrelor 60 mg era stato precedentemente suggerito nel trial PEGASUS, i cui dati registrativi avevano supportato l’approvazione di ticagrelor da parte dell’Agenzia europea per i medicinali con indicazione post-IM.

Leonardo Bolognese, Direttore del Dipartimento Cardiovascolare e Neurologico dell’Azienda Sanitaria Toscana Sud-Est, ha dichiarato: “La conclusione sia per i medici che per i pazienti ad alto rischio di morte CV post-IM è chiara. Il trattamento a base di ticagrelor 60 mg, come proseguimento della terapia dopo il periodo iniziale di 12 mesi post-evento, o con interruzione quanto più possibile limitata, è associato a un rapporto rischio-beneficio chiaro e favorevole per questa popolazione di pazienti. Questi nuovi spunti hanno importanti implicazioni nella pratica clinica quotidiana, in quanto, sebbene sette milioni di persone nel mondo vengano colpite da attacco cardiaco ogni anno, sappiamo che meno della metà riceve un trattamento a lungo termine adeguato a ridurre il rischio di ulteriori eventi CV.”…”

Per continuare a leggere la news originale:

Fonte: “Studio PEGASUS, usare ticagrelor più a lungo riduce rischio di morte del 29 per cento. ESC 2017”, PHARMASTAR

Tratto dahttps://www.pharmastar.it/news/cardio/studio-pegasus-usare-ticagrelor-pi-a-lungo-riduce-rischio-di-morte-del-29-per-cento-esc-2017-24665