a

Il Comitato I Malati Invisibili ONLUS è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
Via Monte Suello 1/12a – 16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

Via Monte Suello 1/12A

16129 Genova (IT)

Sindrome di Marfan

La sindrome di Marfan è una malattia sistemica del tessuto connettivo caratterizzata dall’associazione variabile di sintomi cardiovascolari, muscolo-scheletrici, oculari e polmonari.

La prevalenza stimata è 1/5.000, senza differenza tra i sessi.

Sintomi
I sintomi possono insorgere a tutte le età e variano notevolmente tra le persone affette, anche all’interno della stessa famiglia.

Il coinvolgimento cardiovascolare è caratterizzato da:

  1. progressiva dilatazione dell’aorta, associata a un aumento del rischio di dissezione aortica, che compromette la prognosi; la dilatazione aortica può esitare in un’insufficienza della valvola aortica;
  2. insufficienza della valvola mitralica, che può essere complicata da aritmie, endocarditi o insufficienza cardiaca.

Il coinvolgimento dello scheletro è spesso il primo segno della malattia e comprende la dolicostenomelia (eccessiva lunghezza delle estremità), il sovrappeso, l’aracnodattilia, l’ipermobilità delle articolazioni, la scoliosi, la protrusione dell’acetabolo, la deformità del torace (torace carenato o pectus excavatum), la dolicocefalia dell’asse antero-posterore, la micrognazia o l’ipoplasia della regione mascellare.

I segni oculari comprendono la miopia assiale, che provoca il distaccamento della retina e la dislocazione del cristallino (segni caratteristici sono l’ectopia o la lussazione). Le complicazioni oculari, soprattutto l’ectopia del cristallino, possono esitare nella cecità.

Possono essere presenti segni cutanei (smagliature) ed è aumentato il rischio di pneumotorace e di ectasia della dura madre.

Cause
Nella maggior parte dei casi, la sindrome di Marfan è causata dalle mutazioni del gene FBN1 (15q21) che codifica per la fibrillina-1, una proteina essenziale del tessuto connettivo.

Alcune forme cliniche di confine sono dovute alle mutazioni del gene TGFBR2, localizzato sul cromosoma 3, che codifica per un recettore del TGF-beta.

La trasmissione è autosomica dominante. Sono stati descritti anche casi sporadici.

Diagnosi
La diagnosi si basa sui segni clinici e sulla storia familiare. Tuttavia, a causa dell’estrema variabilità dei quadri clinici, può essere difficile stabilire la diagnosi.

A supporto della diagnosi sono stati proposti dei criteri diagnostici internazionali (i criteri di Ghent) basati sui segni clinici principali e su quelli meno comuni.

Diagnosi differenziale
La diagnosi differenziale si pone con la sindrome MASS, la sindrome di Shprintzen-Goldberg, il prolasso della valvola mitrale, la sindrome di Ehlers-Danlos e altre malattie che si associano all’aneurisma dell’aorta, come la sindrome di Loeys-Dietz.

Una persona affetta ha una probabilità del 50% di trasmettere la mutazione patogenetica.

La diagnosi genetica prenatale è possibile nelle famiglie nelle quali è stata identificata la mutazione responsabile della malattia.

Gestione della malattia
La gestione della malattia dovrebbe essere multidisciplinare e si dovrebbe avvalere della consulenza di diversi specialisti, compreso il cardiologo, il genetista, il reumatologo, l’oculista, il pediatra e il radiologo.

Presa in carico
La presa in carico ha l’obiettivo principale di limitare la dilatazione dell’aorta (mediante farmaci beta-bloccanti e la riduzione dell’attività sportiva) e di monitorare periodicamente l’aorta (ecocardiografie con cadenza annuale), al fine di sostituirne la radice, prima dell’insorgenza della dissecazione.

L’impiego della chirurgia è consigliato per la correzione delle anomalie scheletriche (stabilizzazione della colonna vertebrale nel caso di scoliosi o la correzione delle deformità toraciche) e delle anomalie oculari (laserterapia o sostituzione del cristallino lussato).

Il trattamento è comunque sintomatico.

Prognosi
La prognosi dipende dalla gravità dell’interessamento dell’aorta.

Seguendo un follow-up regolare e un trattamento adeguato, l’aspettativa di vita dei pazienti è oggi simile a quella della popolazione generale. Infatti, negli ultimi 30 anni, è aumentata di circa 30 anni.