a

Il Comitato I Malati Invisibili ONLUS è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
Via Monte Suello 1/12a – 16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

Via Monte Suello 1/12A

16129 Genova (IT)

News

Tumore della mammella triplo-negativo, secondo studio di fase 2 l’aggiunta di omeprazolo a chemio migliora risposta al trattamento

"Secondo uno studio di fase 2 presentato al congresso annuale (virtuale) dell'American Society of Clinical Oncology l'aggiunta dell'inibitore di pompa protonica (PPI)  omeprazolo al trattamento neo-adiuvante standard dei tumori mammari triplo-negativo in fase iniziale può essere utile per aumentare il tasso atteso di risposta Razionale dello...

Tumore al seno HER 2-positivo, combinazione di tucatinib, trastuzumab e capecitabina risulta efficace su metastasi cerebrali

"La combinazione di tucatinib, trastuzumab e capecitabina si è dimostrata clinicamente rilevante nell'aumentare la risposta intracranica nelle pazienti con tumore della mammella in fase avanzata HER2-positive e con metastasi cerebrali, già precedentemente trattate. Lo dimostrano i risultati di un'analisi condotta su un sottocampione dello studio...

Coronavirus – Assegno ordinario di invalidità e compatibilità con il bonus 600 euro e altri sostegni per l’emergenza

"Aiutano a fare chiarezza sulla cumulabilità delle misure le risposte alle FAQ pubblicate dal sito governativo dell’Ufficio per le politiche a favore delle persone con disabilità Sulla compatibilità tra il cosiddetto bonus 600 euro, introdotto a marzo scorso dal Decreto Cura Italia per sostenere i lavoratori autonomi e professionisti nell’emergenza...

Malattie rare e orfane di diagnosi – L’appello dei malati senza diagnosi: “Ancora più invisibili, dobbiamo tornare in ospedale”

"Le conseguenze del lockdown su chi non conosce neanche il nome della sua malattia https://video.primocanale.it//video/mobile/20200601171706.mp4 GENOVA - “Siamo già invisibili e con il lockdown lo siamo diventati ancora di più, ci sentiamo abbandonati nessuno parla di noi e ora non ce la facciamo più dobbiamo tornare in ospedale...