a

Il Comitato I Malati Invisibili ONLUS è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
Via Monte Suello 1/12a – 16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

Via Monte Suello 1/12A

16129 Genova (IT)

Carcinoma ovarico – L’assunzione di aspirina potrebbe ridurne il rischio

Assumere frequentemente l’aspirina potrebbe ridurre il rischio di carcinoma ovarico? A suggerire questa possibilità è una recente metanalisi pubblicata sul Journal of Clinical Oncology, che ha evidenziato un’associazione tra i due fenomeni, anche in presenza di fattori di rischio noti di tumore dell’ovaio

Complessivamente, il consumo frequente di aspirina è risultato associato a una riduzione del 13% del rischio di tumore ovarico (RR 0,87; IC al 95% 0,80-0,94) in 17 studi, senza differenze tra i risultati degli studi di coorte e quelli caso-controllo (P=0,48). Inoltre, le riduzioni del rischio sono risultate particolarmente rilevanti per il carcinoma ovarico sieroso di alto grado (RR 0,8; IC al 95% 0,78-0,94).
Quest’ultimo risultato è importante, scrivono Lauren Hurwitz, del National Cancer Institute, e i colleghi, perché «i fattori di rischio più consolidati sono associati più debolmente con i tumori ovarici sierosi di alto grado».

«Questi risultati suggeriscono che la prevenzione primaria del carcinoma ovarico è un ulteriore beneficio dell’uso frequente di aspirina che potrebbe essere incorporato nei calcoli del rapporto rischio-beneficio», concludono Hurwitz e i colleghi. «Dato che anche le donne con un rischio elevato di carcinoma ovarico a causa di fattori di rischio epidemiologici possono trarne vantaggio e che il numero di pazienti da trattare (NNT) per prevenire un carcinoma ovarico è inferiore per le donne ad alto rischio, in futuro si dovrebbe capire come si potrebbero integrare i programmi di chemioprevenzione con l’aspirina con le strategie preventive esistenti, che attualmente sono limitate alle donne con il rischio più elevato… e sono dirette a ulteriori sottogruppi ad alto rischio, per massimizzare l’impatto a livello di popolazione e ridurre al minimo i rischi».

Analizzando le associazioni all’interno di sottogruppi definiti in base ai fattori di rischio di carcinoma ovarico, Hurwitz e i colleghi hanno osservato una possibile modificazione dell’effetto a seconda della storia di endometriosi…”

Per continuare a leggere la news originale:

Fonte: “Tumore ovarico, l’aspirina può ridurre il rischio?”, PHARMASTAR

Tratto da: https://www.pharmastar.it/news//oncoemato/-tumore-ovarico-laspirina-pu-ridurre-il-rischio-39071/