a

Il Comitato I Malati Invisibili ONLUS è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
Via Monte Suello 1/12a – 16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

Via Monte Suello 1/12A

16129 Genova (IT)

Malattie rare – Malattia di Pompe, Commissione europea ha approvato avalglucosidasi alfa, potenziale nuovo standard di cura

La Commissione Europea ha concesso l’autorizzazione all’immissione in commercio di avalglucosidasi alfa, una terapia enzimatica sostitutiva (ERT) per il trattamento a lungo termine della malattia di Pompe a insorgenza tardiva e infantile, una malattia muscolare rara, progressiva e debilitante. Avalglucosidasi alfa è il primo farmaco di nuova approvazione per la malattia di Pompe in Europa dal 2006, quando la Commissione Europea ha autorizzato la commercializzazione di alglucosidasi alfa

Benedikt Schoser, Senior Consultant e Professore presso l’Istituto Friedrich-Baur, Dipartimento di Neurologia, Università Ludwig-Maximilians di Monaco di Baviera, ha dichiarato: “L’approvazione di avalglucosidasi alfa in Europa per il trattamento della malattia di Pompe è supportata da un robusto corpus di evidenze che mostrano miglioramenti clinicamente significativi che possono avere un impatto sulla qualità di vita. La completezza e il rigore dei dati sono particolarmente degni di nota, data la complessità della ricerca e dello sviluppo per una patologia così rara e progressiva. I benefici clinici dimostrati e l’innovazione a livello molecolare di avalglucosidasi alfa offrono una nuova opzione terapeutica alle persone affette dalla malattia di Pompe, che continuano a presentare bisogni clinici insoddisfatti”.

Rispondere a un bisogno insoddisfatto per le persone affette dalla malattia di Pompe
La malattia di Pompe può presentarsi a esordio infantile (IOPD), la forma più grave della malattia con esordio rapido nella prima infanzia, o a esordio tardivo (LOPD), che danneggia progressivamente i muscoli nel corso del tempo. Se non trattata, la IOPD può portare a insufficienza cardiaca e morte entro il primo anno di vita, mentre le persone affette da LOPD possono richiedere, con il progredire della malattia, la ventilazione meccanica per aiutare la respirazione o l’ausilio di una sedia a rotelle per aiutare la mobilità.

Risultati positivi sulle principali misururazioni di progressione della malattia
Nell’ambito di un robusto programma di sviluppo clinico, avalglucosidasi alfa ha dimostrato differenze clinicamente significative rispetto al carico di malattia dei pazienti affetti da malattia di Pompe a esordio tardivo e da malattia di Pompe a esordio infantile.

I risultati dello studio COMET di confronto tra avalglucosidasi alfa e alglucosidasi alfa nella LOPD a 49 settimane includono:

  • I pazienti trattati con avalglucosidasi alfa hanno mostrato un miglioramento rispetto al basale della capacità vitale forzata (FVC) in percentuale del valore previsto, una misura chiave della funzione respiratoria ed endpoint primario dello studio, che risulta superiore rispetto alla variazione dei pazienti trattati con alglucosidasi alfa. Questa differenza ha superato il valore di non inferiorità. La superiorità statistica non è stata raggiunta per poco …”

Per continuare a leggere la news originale:

Fonte: “Malattia di Pompe, approvazione europea per avalglucosidasi alfa, potenziale nuovo standard di cura”, PHARMASTAR

Tratto da: https://www.pharmastar.it/news//ema/malattia-di-pompe-approvazione-europea-per-avalglucosidasi-alfa-potenziale-nuovo-standard-di-cura-38768/