a

Il Comitato I Malati Invisibili ONLUS è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
Via Monte Suello 1/12a – 16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

Via Monte Suello 1/12A

16129 Genova (IT)

Crohn – Terapia farmacologica intensiva migliora infiammazione associata alla stenosi

La terapia farmacologica intensiva ha migliorato i sintomi, l’infiammazione associata alla stenosi e la morfologia della stenosi in pazienti con malattia di Crohn, secondo una ricerca pubblicata su The Lancet Gastroenterology & Hepatology

“Le stenosi sono la complicanza strutturale più comune della malattia di Crohn (CD), osservata nel 10-28% dei pazienti al momento della diagnosi e in un terzo dei pazienti, 5 anni dopo la diagnosi. Ad oggi, nessuna terapia farmacologica studiata in studi randomizzati ha dimostrato di influenzare il corso dello sviluppo della stenosi o prevenire la necessità di un intervento chirurgico”, hanno evidenziato Julien D. Schulberg, del dipartimento di Gastroenterologia presso il St. Vincent’s Hospital di Melbourne, Australia e i suoi colleghi autori dello studio.

“Inoltre, a causa del presupposto che la terapia farmacologica potrebbe causare ulteriore restringimento e ostruzione intestinale come parte del processo di guarigione, i pazienti con una stenosi nota sono stati esclusi dalle prove di registrazione dei farmaci biologici”.

In uno studio controllato randomizzato, in aperto, a centro singolo, lo studio Stricture Definition and Treatment, gli autori miravano a studiare la risposta della stenosi al trattamento farmacologico e confrontare l’efficacia tra la terapia farmacologica intensiva e la terapia farmacologica standard…”

Per continuare a leggere la news originale:

Fonte: “La terapia farmacologica intensiva migliora l’infiammazione associata alla stenosi nella malattia di Crohn”, PHARMASTAR

Tratto da: https://www.pharmastar.it/news//gastro/la-terapia-farmacologica-intensiva-migliora-linfiammazione-associata-alla-stenosi-nella-malattia-di-crohn-37278