a

Il Comitato I Malati Invisibili ONLUS è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
Via Monte Suello 1/12a – 16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

Via Monte Suello 1/12A

16129 Genova (IT)

Osteoporosi e “vacanze terapeutiche” – Opportuno non prolungare oltre i due anni la vacanza terapeutica con risedronato

Stando ai risultati di uno studio presentato nel corso del congresso annuale ASBMR, sarebbe opportuno non prolungare oltre i due anni la vacanza terapeutica con risedronato nelle pazienti affette da osteoporosi (OP) (anziché fino a 3 anni come attualmente raccomandato per i bisfosfonati), pena una perdita della protezione anti-frattura di entità maggiore rispetto alla sospensione di alendronato

Nello specifico, lo studio, condotto su una coorte di pazienti canadesi di età superiore a 66 anni, ha dimostrato che le pazienti che avevano sospeso risedronato oltre i 2 anni mostravano un rischio superiore del 34% di andare incontro a frattura di femore rispetto a quelle che avevano sospeso un trattamento con alendronato da 2 a 3 anni.

Razionale e disegno dello studio
Lo studio è nato alla luce del dibattito (mai sopito) sull’opportunità di ricorrere alle “vacanze terapeutiche” da BSF nelle persone affette da OP.

Eppure molte linee guida attuale raccomandano che negli individui a basso rischio, trattati con BSF da almeno 5 anni, debba essere presa in considerazione l’opportunità di sospendere il trattamento in essere con tal farmaci dopo 2-3 anni. La ragione addotta risiede nel rischio (per quanto assai remoto) che il trattamento con BSF possa essere associato a fratture atipiche di femore, e che questi farmaci appaiano in grado di dare protezione prolungata contro le fratture; di qui l’invito a ricorrere alle vacanze terapeutiche nella maggior parte dei casi.

Le Linee Guida ASBMR del 2016 riconoscono come tale indicazione derivi, fondamentalmente, dai risultati provenienti dalle fasi di estensione dei trial condotti con alendronato e che le pazienti in terapia con risedronato potrebbero necessitare di rivalutazione delle loro condizioni più anticipata, in ragione della ridotta emivita di questo farmaco…”

Per continuare a leggere la news originale:

Fonte: “Osteoporosi e “vacanze terapeutiche”, non andare oltre i due anni con risedronato”, PHARMASTAR

Tratto da: https://www.pharmastar.it/news//orto-reuma/osteoporosi-e-vacanze-terapeutiche-non-andare-oltre-i-due-anni-con-risedronato–36569