a

Il Comitato I Malati Invisibili ONLUS è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
Via Monte Suello 1/12a – 16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

Via Monte Suello 1/12A

16129 Genova (IT)

Malattie infiammatorie croniche (MICI o IBD) – Il 40% dei pazienti sperimenta anche sintomi depressivi

Roma” – La letteratura ha ormai ampiamente evidenziato come in presenza della diagnosi di una malattia cronica, aumenta la probabilità di sviluppare disturbi e sofferenza nell’area psichica.

Le enterospondiloartriti non fanno eccezione anche a causa di un interessamento di più organi e apparati, sintomi subdoli che ritardano la diagnosi anche di anni e lo stress psichico dato da nuove condizioni di vita e terapie che controllano la malattia ma non sono in grado di guarirla. Se nella popolazione generale la depressione interessa tra il 10-25% delle donne e il 5-12% degli uomini, in chi ha una malattia cronica la prevalenza sale al 25-33%.

Dell’aspetto psicosociale si parla durante l’8° Congresso della Società Italiana di GastroReumatologia a Roma: “diagnosi e sintomi spesso invalidanti e caratterizzati da dolore intervengono in maniera violenta nell’esistenza del paziente costringendolo a cambiamenti spesso radicali e indesiderati” spiega il dott. Walter Monterosso, Psicologo Clinico e Sociologo nella sua relazione.

“La malattia può portare a stress, ansia e disturbi depressivi che ostacolano quel percorso di accettazione necessario a riscrivere la propria esistenza. L’intervento dello psicoterapeuta è utile sia al momento della diagnosi o in caso di processo di accettazione della nuova condizione sia ostacolato. È importante ad esempio lavorare sulla consapevolezza del soggetto della sua condizione, per poi contenere il dolore e la sofferenza. Come terapeuti ad esempio diamo dignità e ascolto a sentimenti come rabbia, tristezza, vergogna, senso di colpa. Dopo un normale periodo in cui metabolizzare l’evento malattia è possibile iniziare a ripensare le diverse aree della propria esistenza”, prosegue Monterosso.

Uno studio pubblicato sulla rivista Inflammatory Bowel Disease ha suggerito che nei pazienti con malattie croniche intestinali i disturbi dell’umore siano ampiamente sottodiagnosticate: nella ricerca il 40% dei pazienti soddisfaceva i criteri per la depressione e il 30,6% quelli per l’ansia.

L’aspetto psicologico è altresì importante nella motivazione a seguire la terapia: la non aderenza alle cure può portare a peggioramenti, ricadute, diminuzione dell’autonomia. Le ricerche più recenti hanno individuato nella non compliance componenti affettive e psicologiche e la diagnosi di una malattia cronica può far emergere quelli che vengono chiamati atteggiamenti ‘ostacolanti’…”

Per continuare a leggere la news originale:

Fonte: “Malattie croniche infiammatorie, il 40% dei pazienti sperimenta anche sintomi depressivi”, insalutenews

Tratto da: https://www.insalutenews.it/in-salute/malattie-croniche-infiammatorie-il-40-dei-pazienti-sperimenta-anche-sintomi-depressivi/