Il Comitato I Malati Invisibili è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
Via Monte Suello 1/12a – 16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

Via Monte Suello 1/12A

16129 Genova (IT)

Broncopneumopatia cronica ostruttiva (Bpco) – I vantaggi della triplice terapia fluticasone furoato/umecidinio/vilanterolo

Sono stati recentemente pubblicati sulla rivista European Respiratory Journal Open Access i risultati dello studio INTREPID (INvestigation of TRelegy Effectiveness: usual PractIce Design: a single- versus multiple-inhaler triple therapy for COPD in usual clinical practice) (1), sull’impiego della terapia triplice fluticasone furoato/umecidinio/vilanterolo (FF/UMEC/VI), erogata mediante erogatore unico, rispetto ad altre terapie triplici “aperte” (somministrate con erogatori diversi) in pazienti con Bpco provenienti dalla pratica clinica reale. I risultati hanno dimostrato il vantaggio derivante dalla somministrazione di questa triplice terapia “chiusa” rispetto alle terapie triplici “aperte” di confronto, suffragandone l’impiego

Lo studio INTREPID, condotto nella real life, rappresenta il naturale complemento e completamento dei dati di efficacia e sicurezza provenienti dal trial clinico randomizzato e controllato IMPACT (InforMing PAthway of COPD Treatment) (2), ribadendo l’importanza dei farmaci utilizzati, ma anche del device unico, come condizione alla base del miglioramento dell’aderenza alla terapia, presupposto indispensabile per la massimizzazione del beneficio farmacologico.

Da IMPACT a INTREPID: la storia della terapia triplice FF/UMEC/VI mediante device unico, passando per il “Bpco Salford Lung Study”
Lo scopo fisiopatogenetico della triplice terapia nel trattamento della Bpco è quello di associare la doppia broncodilatazione ottenuta con farmaci a meccanismo d’azione diverso, come i beta2-agonisti a lunga durata d’azione (LABA) e gli antagonisti muscarinici a lunga durata d’azione (LAMA), riducendo in questo modo il rischio di effetti collaterali legati all’aumento del dosaggio di un singolo broncodilatatore, con l’azione anti-infiammatoria degli steroidi inalatori (ICS)…”

Per continuare a leggere la news originale:

Fonte: “Bpco, i vantaggi della terapia triplice FF/UMEC/VI mediante device unico: dai trial alla real life”, PHARMASTAR

Tratto da: https://www.pharmastar.it/news//pneumo/bpco-i-vantaggi-della-terapia-triplice-ff-umec-vi-mediante-device-unico-dai-trial-alla-real-life-35774