a

Il Comitato I Malati Invisibili ONLUS è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
Via Monte Suello 1/12a – 16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

Via Monte Suello 1/12A

16129 Genova (IT)

Crohn – In studio di fase 2 mirikizumab migliora stanchezza e affaticamento

In un’analisi pre-specificata dello studio di fase 2 SERENITY, il mirikizumab ha migliorato l’affaticamento nei pazienti con malattia di Crohn (MC) attiva da moderata a grave a 12 settimane, misurata dalla variazione media del punteggio FACIT- relativo alla fatica, rispetto al placebo, con miglioramenti che si sono mantenuti fino a un anno. Questi risultati sono stati presentati virtualmente alla Digestive Disease Week (DDW) che si è tenuta dal 21 al 23 maggio 2021

Mirikizumab è in fase di studio per UC e DC (colite ulcerosa e malattia di Crohn), due forme di malattia infiammatoria intestinale che possono causare sintomi gravi e debilitanti e interruzioni nella vita quotidiana.

“Nuovi dati al DDW mostrano che la fatica è più di un sintomo nella colite ulcerosa e nella malattia di Crohn, due malattie croniche infiammatorie intestinali che possono essere difficili da trattare. Può anche essere un importante fattore predittivo della gravità della malattia di una persona e del potenziale impatto che ha sulla qualità della loro vita”, ha affermato Miguel Regueiro, presidente del dipartimento di Gastroenterologia, Epatologia e Nutrizione presso la Cleveland Clinic e autore principale di queste analisi.

“I dati dello studio di fase 2 mostrano che il mirikizumab può aiutare a migliorare l’affaticamento nei pazienti con malattia di Crohn da moderatamente a gravemente attiva, rafforzando l’importanza di ulteriori studi su mirikizumab come potenziale trattamento per coloro che convivono con questa malattia”.

Mirikizumab ha dimostrato miglioramenti nella fatica
Nello studio SERENITY, i pazienti trattati con mirikizumab hanno visto miglioramenti della fatica durante il periodo di induzione di 12 settimane, misurato dalla variazione media dei punteggi FACIT-Fatigue dal basale rispetto al placebo…”

Per continuare a leggere la news originale:

Fonte: “Malattia di Crohn, mirikizumab migliora stanchezza e affaticamento”, PHARMASTAR

Tratto da: https://www.pharmastar.it/news//gastro/malattia-di-crohn-mirikizumab-migliora-stanchezza-e-affaticamento-35698