Il Comitato I Malati Invisibili è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

16129 Genova (IT)

Salute mentale – “Serve cambio di rotta. Nessun piano di azione concreto dal Tavolo ministeriale”

Inascoltata la voce dei Direttori dei Dsm ogni giorno in prima linea in stretto rapporto con i pazienti ma esclusi dalla “stanza dei bottoni”. Di Giannantonio e Zanalda (Sip): “Chiediamo un incontro urgente con il Ministro per presentare i contenuti delle nostre proposte e la bozza di una proposta costitutiva di nuove Linee di Indirizzo per il rilancio della salute mentale”

01 GIU – Un piano di azione concreto con risorse adeguate, basato sulle evidenze scientifiche e con il contributo di chi affronta ogni giorno sul campo i problemi di salute mentale del Paese, che sarebbe oggi più che mai cruciale per rinnovare e aggiornare l’assistenza ai pazienti con disturbi mentali.

È il grido di allarme in una lettera inviata al Ministro della Salute Roberto Speranza, che arriva dalla terza Conferenza nazionale del Coordinamento dei Direttori dei Dipartimenti di Salute Mentale (Dsm). Una rete nazionale che ha finora coinvolto 91 direttori, in rappresentanza di più del 75% dei Dipartimenti italiani, nata nel dicembre scorso per rappresentare le difficoltà e le esigenze degli operatori dei Dsm, dei pazienti e dei loro famigliari e contribuire a sviluppare e migliorare la qualità dell’assistenza.

“Chiediamo un incontro urgente con il Ministro per presentare i contenuti delle nostre proposte e la bozza di una proposta costitutiva di nuove Linee di Indirizzo per il rilancio della salute mentale – il Progetto Obiettivo Tutela della Salute Mentale 2021-2030 – dichiarano Massimo di Giannantonio ed Enrico Zanalda, co-presidenti della Società Italiana di Psichiatria (Sip), e fondatori del Coordinamento Nazionale dei Dipartimenti di Salute Mentale Italiani – vorremmo far sentire la nostra voce come servizi che trattano i concreti problemi della salute mentale, e contribuire in questo momento delicato a portare avanti progetti con una più forte adesione alle evidenze scientifiche, tralasciando ideologie antiche su battaglie che oggi non hanno più alcuna utilità, anche in considerazione degli eventi pandemici – rimarcano di Giannantonio e Zanalda…”

Per continuare a leggere la news originale:

Fonte: “Salute mentale. Gli psichiatri scrivono a Speranza: “Serve cambio di rotta. Nessun piano di azione concreto dal Tavolo ministeriale”, Quotidiano sanità

Tratto da: http://www.quotidianosanita.it/lavoro-e-professioni/articolo.php?articolo_id=95999