a

Il Comitato I Malati Invisibili ONLUS è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
Via Monte Suello 1/12a – 16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

Via Monte Suello 1/12A

16129 Genova (IT)

Carcinoma uroteliale avanzato o metastatico – In fase 2 risposte durature con enfortumab vedotin

Il nuovo coniugato anticorpo-farmaco (ADC) enfortumab vedotin ha suscitato risposte durature in pazienti con carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico, trattati precedentemente con un inibitore di PD-1/PD-L1, ma non con la chemioterapia contenente platino e che non erano idonei per il cisplatino, secondo i risultati preliminari della seconda coorte di pazienti dello studio di fase 2 EV-201

I risultati hanno mostrato un tasso di risposta oggettiva (ORR) del 52% (IC al 95%, 40,8-62,4), con una durata mediana della risposta (DOR) di 10,9 mesi. Per quanto riguarda la sicurezza, gli effetti avversi più comunemente riscontrati di grado uguale o superiore a tre erano neutropenia, eruzione cutanea, affaticamento, aumento della lipasi, diarrea, diminuzione dell’appetito, anemia e iperglicemia.

I dati completi relativi alla seconda coorte di pazienti dello studio di fase 2 EV-201 verranno presentati in occasione di un prossimo congresso scientifico su questo tema.

Enfortumab vedotin: un nuovo coniugato farmaco-anticorpo (ADC) 
Enfortumab vedotin è composto da un anticorpo monoclonale anti–Nectina-4 che è stato unito alla monometil auristatina E (MMAE), un farmaco che distrugge i microtubuli, mediante una tecnologia brevettata da Seattle Genetics. L’ADC si lega alla Nectina-4, una molecola di adesione cellulare altamente espressa dal carcinoma uroteliale e da altri tumori solidi, viene internalizzato ed esplica l’attività killing sulle cellule tumorali.

“Questo è il primo studio che mostra risposte oggettive in pazienti con carcinoma uroteliale avanzato che hanno ricevuto in precedenza l’immunoterapia, ma che non sono ammissibili al cisplatino a causa di una funzione renale inadeguata o di altre condizioni”, ha spiegato Roger Dansey, chief medical officer di Seattle Genetics. “Questi nuovi dati possono supportare una richiesta di estensione dell’uso di enfortumab vedotin in pazienti il cui cancro è progredito dopo l’immunoterapia e che non sono ammissibili al cisplatino”.

Lo studio EV-201
Nello studio di fase 2 EV-201 a braccio singolo, gli sperimentatori si sono prefissati di esaminare l’ADC in pazienti con carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico, che avevano ricevuto un precedente trattamento con un inibitore PD-1 o PD-L1. I pazienti inclusi nella coorte 1 dello studio erano stati trattati anche con una chemioterapia contenente platino, mentre quelli della coorte 2 non avevano ricevuto questo trattamento ed erano inammissibili al cisplatino. In totale, 128 partecipanti sono stati arruolati nella coorte 1 e 91 nella coorte 2…”

Per continuare a leggere la news originale:

Fonte: “Carcinoma uroteliale avanzato, risposte durature con enfortumab vedotin dopo fallimento immunoterapia”, PHARMASTAR

Tratto da: https://www.pharmastar.it/news//oncoemato/carcinoma-uroteliale-avanzato-risposte-durature-con-enfortumab-vedotin-dopo-fallimento-immunoterapia-33575