Il Comitato I Malati Invisibili è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

16129 Genova (IT)

Coronavirus – L’asma non è un fattore aggravante

Uno studio condotto dai ricercatori dell’Ospedale Bicêtre, Assistenza Pubblica -Hôpitaux de Paris / Université Paris-Saclay su un gruppo di pazienti ricoverati per Covid-19 ha dimostrato che gli asmatici non presentano un aumento del rischio di sviluppare una forma grave della malattia. Il lavoro è stato pubblicato sull’European Respiratory Journal

Paris-Saclay – Le infezioni legate ai virus del tropismo respiratorio (rinovirus, virus respiratorio sinciziale, virus influenzali…) sono la causa principale dell’esacerbazione dell’asma e possono essere associate a gravi episodi respiratori in pazienti asmatici. Per spiegare questa suscettibilità alle infezioni virali negli asmatici sono stati proposti diversi meccanismi fisiopatologici, primo fra tutti il ruolo dell’infiammazione di tipo 2 (caratterizzata da una produzione predominante di interleuchine 4, 5 e 13, che favoriscono le reazioni eosinofile e allergiche), che si ritiene riduca le risposte immunitarie innate e in particolare la sintesi dei vari tipi di interferone essenziali per la risposta antivirale.

SARS-CoV-2 è caratterizzato nelle sue forme gravi da una polmonite grave che porta ad una sindrome da stress respiratorio acuto potenzialmente fatale e potrebbe sollevare preoccupazioni circa un aumento del rischio di forme gravi negli asmatici. In effetti, il tropismo respiratorio dei coronavirus è ben noto e alcuni di essi sono già stati implicati in epidemie di gravi pneumopatie come la SARS (Severe Acute Respiratory Syndrome) o la MERS (Middle East Respiratory Syndrome).

In una revisione generale pubblicata nel 2018, prima della comparsa della SARS-CoV-2, il rilevamento di un coronavirus nei campioni respiratori durante un’esacerbazione asmatica variava dall’8,4% nei bambini al 20,8% negli adulti, rendendo questa famiglia di virus il secondo virus più comune identificato negli adulti dopo i rinovirus e il quarto più comune nei bambini dopo rinovirus, virus sinciziale respiratorio ed enterovirus.

Pertanto, si temeva che l’attuale epidemia potesse essere accompagnata da un aumento del rischio di infezione da SARS-CoV-2 negli asmatici associati a gravi malattie polmonari e/o esacerbazioni asmatiche. Curiosamente, però, nelle prime pubblicazioni, sia in Cina, in Italia o negli USA, i pazienti asmatici non sembrano essere sovrarappresentati, soprattutto considerando la prevalenza dell’asma stimata tra il 7 e il 10% a seconda del Paese.

L’obiettivo dei ricercatori dell’Ospedale di Bicêtre, AP-HP / Facoltà di Medicina dell’Università Paris-Saclay è stato quello di descrivere le caratteristiche cliniche e il destino dei pazienti asmatici ricoverati per pneumopatia Covid-19 nella primavera del 2020 all’Ospedale di Bicêtre.

In un gruppo di 768 pazienti ricoverati dal 15 marzo al 15 aprile 2020, 37 (4,8%) erano asmatici, una percentuale sostanzialmente simile alla popolazione generale della stessa età in Francia. Questi pazienti erano più giovani dei pazienti non asmatici ricoverati per la pneumopatia Covid-19 e più spesso di sesso femminile.

È degno di nota il fatto che nessuno di questi pazienti ha presentato un grave attacco d’asma che giustifichi un trattamento specifico al momento del ricovero in ospedale, confermando che questa infezione respiratoria non è aggravata dall’asma rispetto ad altre infezioni virali respiratorie. Inoltre, non ci sono prove che suggeriscano un aumento della morbilità o della mortalità in questi pazienti…”

Per continuare a leggere la news originale:

Fonte: “L’asma non è un fattore aggravante per i casi Covid-19. Lo dimostra uno studio francese”, insalutenews

Tratto da: https://www.insalutenews.it/in-salute/lasma-non-e-un-fattore-aggravante-per-i-casi-covid-19-lo-dimostra-uno-studio-francese/