a

Il Comitato I Malati Invisibili ONLUS è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
Via Monte Suello 1/12a – 16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

Via Monte Suello 1/12A

16129 Genova (IT)

Malattie reumatiche rare e non – Per i pazienti in trattamento con immunoterapia, EULAR ha presentato le raccomandazioni sugli avversi reumatici immuno-correlati

Durante il congresso EULAR2020 sono state presentate le raccomandazioni per la diagnosi e la gestione di eventi avversi reumatici immuno-correlati dovuti all’immunoterapia del cancro con inibitori del checkpoint

Gli eventi avversi reumatici e muscoloscheletrici immuno correlati (irAE) si osservano in circa il 10% dei pazienti con tumore che ricevono inibitori del checkpoint (CPI).
Data la recente comparsa di questi eventi avversi, un’apposita task force dell’EULAR ha armonizzato il parere degli esperti in merito all’identificazione di queste problematiche e alla loro gestione.

L’iniziativa si prefiggeva principalmente di guidare i medici, principalmente i reumatologi, ma anche in alcuni paesi internisti e immunologi, che devono svolgere un ruolo fondamentale nello sviluppo con gli oncologi di un approccio centrato sul paziente per migliorare la diagnosi e la gestione degli irAE.

L’approccio metodologico è basato sul consenso (LoA=livello di consenso) e sulla ricerca di letteratura (LoE=livello di evidenza), in accordo con le procedure operative standard dell’EULAR

Principi generali

⦁ Eventi avversi immuno-correlati reumatici e muscoloscheletrici possono manifestarsi nei pazienti oncologici sottoposti a immunoterapia (LoE na; LoA 9.6).
⦁ La gestione degli eventi avversi immuno-correlati reumatici e muscoloscheletrici dovrebbe basarsi su un processo decisionale condiviso tra pazienti, oncologi e reumatologi (LoE na; LoA 9.5).
⦁ I reumatologi dovrebbero impegnarsi con gli oncologi per contribuire all’assistenza interdisciplinare dei pazienti che presentano segni e sintomi muscoloscheletrici (LoE na; LoA 9.1).
⦁ Il ruolo dei reumatologi è di aiutare gli oncologi a stabilire la diagnosi e ad alleviare i sintomi reumatici e muscolo-scheletrici a un livello accettabile che consenta ai pazienti di mantenere un’efficace immunoterapia del cancro (LoE na; LoA 9.5).

Raccomandazione 1
I reumatologi devono essere consapevoli dell’ampio spettro di presentazioni cliniche di eventi avversi reumatici e/o immunitari sistemici che spesso non soddisfano i criteri di classificazione tradizionali di RMDs (rheumatic diseases).
Sindromi simil-polimialgia reumatica (PMR) e sindromi infiammatorie da artrite sono due delle principali presentazioni cliniche riscontrate, ma sono state descritte varie altre sindromi reumatiche.
Tra le manifestazioni sistemiche, sono stati segnalati sindrome di sicca (detta anche sindrome di Sjögren), reazioni simili a sarcoidi, sclerosi sistemica, lupus e vasculiti a tutte le dimensione dei vasi.
Gli autori precisano che gli autoanticorpi sono spesso assenti.e possono presentarsi altri irAE specifici per altri organi.
LoE 4; LoA 9.5%

Raccomandazione 2
Gli oncologi dovrebbero essere incoraggiati a consultare prontamente i reumatologi per la valutazione quando si sospettano segni o sintomi muscolo-scheletrici e sistemici reumatici a causa dell’immunoterapia e i reumatologi dovrebbero fornire un accesso agevolato a tali pazienti.

Una pronta valutazione reumatologica dovrebbe supportare una rapida decisione condivisa sul trattamento per alleviare i sintomi del paziente, mantenere una buona qualità della vita e consentire di perseguire un’efficace immunoterapia del cancro.

La task force ha deciso di non utilizzare il sistema di classificazione CTCAE per dare priorità all’invio allo specialista, ma invece di raccomandare una valutazione tempestiva, idealmente prima di iniziare i glucocorticoidi.
LoE 5; LoA 9,4%

Raccomandazione 3
Le metastasi, le sindromi paraneoplastiche e le malattie reumatiche non correlate dovrebbero essere considerate come una potenziale diagnosi differenziale di eventi reumatici immuno-correlati. La valutazione globale dovrebbe essere incentrata sulla documentazione dei test sull’infiammazione degli organi bersaglio e sulla base di anamnesi, caratteristiche cliniche, test di laboratorio, imaging e/o biopsia…”

Per continuare a leggere la news originale:

Fonte: “Eventi avversi reumatici immuno-correlati, l’EULAR presenta le raccomandazioni per i pazienti in trattamento con immunoterapia”, PHARMASTAR

Tratto da: https://www.pharmastar.it/news//orto-reuma/eventi-avversi-reumatici-immuno-correlati-leular-presenta-le-raccomandazioni-per-i-pazienti-in-trattamento-con-immunoterapia-32781