Il Comitato I Malati Invisibili è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

16129 Genova (IT)

Lupus eritematoso cutaneo – In studio di fase 2 un anticorpo monoclonale riduce in modo significativo l’attività della malattia

Pazienti con lupus eritematoso cutaneo che hanno ricevuto l’anticorpo monoclonale BIIB059 (anti-BDCA2) hanno dimostrato una riduzione statisticamente significativa dell’attività della malattia rispetto a quelli che hanno ricevuto placebo. I dati di sicurezza e tollerabilità supportano ulteriormente lo sviluppo di questo farmaco. E’ quanto mostrano i risultati della parte relativa al lupus cutaneo a 16 settimane all’interno dello studio LILAC presentato al congresso virtuale EULAR2020

Il lupus eritematoso cutaneo è una malattia autoimmune cronica caratterizzata da lesioni cutanee e / o manifestazioni sistemiche.

LILAC è uno studio randomizzato, in parallelo, in doppio cieco, controllato con placebo, diviso in due parti che ha valutato BIIB059, un anticorpo monoclonale IgG1 completamente umanizzato (mAb) che ha come bersaglio l’antigene 2 delle cellule dendritiche del sangue (BDCA2) espresso su cellule dendritiche plasmacitoidi (pDC), rispetto al placebo in partecipanti con lupus eritematoso cutaneo attivo, inclusi sottotipi cronici e subacuti, con o senza manifestazioni sistemiche e in partecipanti con lupus eritematoso sistemico (LES) con manifestazioni articolari e cutanee attive.

In questo parte dello studio è stata valutata l’efficacia e la sicurezza di BIIB059 in partecipanti con lupus cutaneo.
E’ stato raggiunto l’endpoint primario (p <0,001) dimostrando una dose risposta sulla variazione percentuale rispetto al basale nel punteggio dell’area di malattia del lupus eritematoso cutaneo e del punteggio dell’attività di gravità (CLASI-A) alla settimana 16.

La parte dello studio relativa alla malattia cutanea, che ha arruolato 132 partecipanti, ha valutato una dose di BIIB059 da 50 mg, 150 mg o 450 mg somministrata per via sottocutanea ogni 4 settimane con una dose aggiuntiva alla settimana 2 rispetto al placebo nei partecipanti con lupus attivo. L’endpoint primario era la dose-risposta di BIIB059 misurata dalla variazione percentuale rispetto al basale nel punteggio CLASI-A alla settimana 16.

I partecipanti a questa parte dello studio hanno subito riduzioni dei punteggi CLASI-A del 38,8% (p=0,015), 47,9% (p <0,001) e 42,5% (p=0,001), rispettivamente, contro il 14,5% del placebo.
Il punteggio CLASI-A è una misura di esito ben definita e affidabile che ha dimostrato di rilevare il cambiamento nell’attività della malattia della pelle.

Rispetto all’endpoint secondario della risposta CLASI-50, è stata raggiunta una significatività statistica nei partecipanti allo studio che hanno ricevuto 450 mg di BIIB059; Il 23,3% (p=0,024) in più ha raggiunto la risposta CLASI-50 rispetto al placebo.

Sebbene non statisticamente significativi, un numero maggiore di partecipanti trattati con BIIB059 50 mg (15,8%) e 150 mg (21,2%) ha ottenuto una risposta CLASI-50 rispetto al placebo.
Una risposta CLASI-50 è definita come un miglioramento del 50% rispetto al basale del punteggio CLASI-A.

La maggior parte degli eventi avversi nello studio LILAC è stata lieve o moderata e l’incidenza di eventi avversi gravi è stata del 7,1% contro il 9,1% nei partecipanti che hanno ricevuto BIIB059 rispetto al placebo…”

Per continuare a leggere la news originale:

Fonte: “Lupus eritematoso cutaneo, significativa riduzione dell’attività di malattia grazie a un anticorpo monoclonale in fase 2. #EULAR2020”, PHARMASTAR

Tratto da: https://www.pharmastar.it/news//orto-reuma/lupus-eritematoso-cutaneo-significativa-riduzione-dellattivit-di-malattia-grazie-a-un-anticorpo-monoclonale-in-fase-2-eular2020-32687