a

Il Comitato I Malati Invisibili ONLUS è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
Via Monte Suello 1/12a – 16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

Via Monte Suello 1/12A

16129 Genova (IT)

Coronavirus – Terapia oncologica a domicilio. Il servizio offerto da Novartis

Un servizio di consegna a domicilio delle terapie oncologiche ai pazienti con tumori solidi e tumori del sangue. Ad attivarlo, nei prossimi giorni su territorio nazionale, sarà la casa farmaceutica leader in ambito onco-ematologico. Il servizio rientra nella campagna “Novartis per un’Italia a prova di futuro”, per arginare l’emergenza da coronavirus. Per sapere in cosa consiste il servizio e quali saranno i pazienti che ne potranno beneficiare, abbiamo parlato con il General Manager di Novartis Oncology Italia
 
26 MAR – Il contesto di emergenza da coronavirus in cui ci troviamo fa da cornice all’intero servizio, che si dimostra essere in linea con le recenti raccomandazioni per la gestione del paziente oncologico e onco-ematologico in relazione al Covid-19, emanate dal ministero della Salute. L’idea di creare un servizio di home delivery per i farmaci ospedalieri è nata dall’esigenza di “andare incontro ai bisogni dei pazienti oncologici”, dice il General Manager di Novartis Oncology Italia Luigi Boano.
 
La persona con tumore, in cura con terapia orale, si reca normalmente presso la farmacia ospedaliera del centro dove è in cura per ritirare i farmaci che poi assumerà a casa. Proprio qui si va ad inserire il servizio finanziato da Novartis, con l’obiettivo di evitare ai pazienti gli spostamenti verso gli ospedali. La finalità, infatti, è proprio quella di fare in modo che persone “fragili”, come quelle in terapia oncologica, che sono maggiormente a rischio di complicanze in caso di contagio da Covid-19, evitino di recarsi presso la struttura ospedaliera…
Fonte: “Coronavirus. Terapia oncologica a domicilio. Il servizio offerto da Novartis. Intervista a Luigi Boano”, Quotidiano sanità