a

Il Comitato I Malati Invisibili ONLUS è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
Via Monte Suello 1/12a – 16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

Via Monte Suello 1/12A

16129 Genova (IT)

Epidermolisi bollosa distrofica recessiva generalizzata grave

Sinonimi : Epidermolisi bollosa distrofica autosomica recessiva, tipo Hallopeau-Siemens; Epidermolisi bollosa generalizzata grave distrofica, autosomica recessiva; RDEB generalisata gravis; RDEB generalizzata grave; RDEB, tipo Hallopeau-Siemens; RDEB-sev gen

Definizione

L’epidermolisi bollosa distrofica recessiva generalizzata grave (RDEB-sev gen) è il più grave sottotipo di epidermolisi bollosa distrofica (DEB), in precedenza noto come tipo Hallopeau-Siemens, con formazione generalizzata di vescicole su cute e mucose, cicatrizzazione con gravi malformazioni e significativo coinvolgimento extracutaneo.

Dati epidemiologici

La prevalenza varia da 1/1. 250.000 in Scozia a 1/2.381.000 negli Stati Uniti.

Descrizione clinica

Le vescicole si sviluppano su tutto il corpo (compresa la mucosa orale e gastrointestinale) alla nascita o in epoca neonatale. Le lesioni guariscono con cicatrici retraenti o milia. L’eccessiva cicatrizzazione può provocare la fusione delle dita di mani e piedi con conseguente pseudo-sindattilia, e contratture articolari che causano ulteriori deformità invalidanti di mani e piedi (“a guantone”). Si osserva alopecia cicatriziale del cuoio capelluto e perdita permanente dei corpi ungueali. È frequente il coinvolgimento oculare (blefarite, perdita delle ciglia, ectropion, simblefaron, vescicole corneali), che può esitare in cecità. Nella cavità orale, la fusione della lingua al pavimento della bocca (anchiloglossia), l’obliterazione dei vestiboli orali e la progressiva restrizione dell’apertura orale (microstomia) causano difficoltà nella masticazione e deglutizione. Le carie dentali sono comuni. È frequente la stenosi esofagea, che esita in grave disfagia. Le erosioni anali e perianali causano dolore intenso durante la defecazione e, di conseguenza, costipazione autoindotta. Il coinvolgimento orale, esofageo e anale induce una condizione di malnutrizione cronica, che contribuisce al tipico ritardo della crescita, alla pubertà ritardata, all’osteopenia e all’osteoporosi. Sono presenti anemia refrattaria, carenza di ferro e ipoalbuminemia. Quasi tutti i pazienti sviluppano almeno un carcinoma aggressivo a cellule squamose (SCC), più spesso durante la 3-4° decade di vita.

Dati eziologici

È causata da mutazioni null del gene del collagene di tipo VII (COL7A1), che in genere provocano un deficit del collagene funzionale VII, la principale componente delle fibrille che ancorano la membrana basale al derma.

Metodi diagnostici

La diagnosi è clinica. È confermata dalle analisi genetiche e dalla mappatura con immunofluorescenza degli antigeni e/o dalla microscopia elettronica a trasmissione, sulle biopsie cutanee, che mostrano un piano di clivaggio al di sotto della lamina densa della zona della membrana basale cutanea.

Diagnosi differenziale

La diagnosi differenziale si pone con le altre forme di EB e, in epoca neonatale, con l’infezione da herpes simplex, la dermatosi vescicolare ed erosiva congenita, l’ittiosi epidermolitica, il pemfigoide bolloso e gravidico, il pemfigo neonatale, e la sindrome della cute ustionata da stafilococco.

Diagnosi prenatale

Nelle gravidanze a rischio, è possibile la diagnosi prenatale con esame del DNA.

Consulenza genetica

La trasmissione è autosomica recessiva.

Presa in carico e trattamento

L’imbottitura protettiva della cute riduce la formazione di vescicole e l’accurata gestione delle ferite aiuta a prevenire le infezioni secondarie. Le deformità di mani e piedi possono essere trattate con la chirurgia. Le recidive rendono necessarie una fisioterapia regolare per mantenere i risultati intraoperatori, ma sono sempre necessari ulteriori trattamenti. È essenziale il follow-up da parte di un dietista e, in assenza di un’alimentazione adeguata, può essere necessaria l’alimentazione con sonda gastrostomica. Le stenosi esofagee sono trattate dalla dilatazione con palloncino sotto guida fluoroscopica. Le trasfusioni, l’integrazione di ferro e l’eritropoietina migliorano l’anemia e la carenza di ferro. È necessario un regolare follow-up per la sorveglianza del SCC, il cui trattamento è chirurgico.

Prognosi

L’aspettativa di vita è molto ridotta, soprattutto a causa dello sviluppo del SCC aggressivo, con metastasi frequenti. La mortalità da SCC metastatico entro 5 anni dalla diagnosi del primo SCC è dell’87% all’età di 45 anni. Altre complicazioni sono l’insufficienza renale cronica, e più di rado, la cardiomiopatia dilatativa.

Fonte: Orphanet