Il Comitato I Malati Invisibili è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

16129 Genova (IT)

Epatite virale A (HAV) – Nuova diffusione anche in Italia. A cosa porre attenzione

In Italia, ma anche negli altri Paesi europei, l’epatite-virale A (HAV) sta diventando un importante problema di salute pubblica. La diffusione sta interessando soprattutto uomini che fanno sesso con altri uomini, nella maggior parte dei casi con genotipo virale IA e con un forte impatto a livello di unità di malattie infettive che si occupano del problema. E’ quanto emerge da un’analisi effettuata in regione Lombardia e presentata a Parigi all’International Liver Congress

L’infezione da HAV è trasmessa principalmente attraverso la via oro-fecale e/o attraverso alimenti contaminati.

Negli ultimi decenni, si sono avuti diversi focolai di HAV in uomini che hanno rapporti sessuali con altri uomini (MSM) che hanno fatto classificare l’HAV come una malattia a trasmissione sessuale (STD).
In questo studio, gli autori, provenienti di centri di epidemiologia e infettivologia della regione Lombardia, hanno mirato ad analizzare un’epidemia di HAV in corso in un ampio gruppo di giovani maschi adulti che avevano avuto accesso agli ospedali nella regione della Lombardia, e hanno approfondito le caratteristiche dei pazienti e l’analisi filogenetica virale.

A tal fine è stata compiuta un’analisi retrospettiva di 244 casi di HAV acuta verificatisi tra gennaio e maggio 2017. I dati disponibili, oltra a quelli demografici di tutti i pazienti, erano i fattori di rischio, i sintomi alla presentazione, l’orientamento sessuale, le comorbidità e altre infezioni STD.

La correlazione filogenetica dei virus circolanti al momento dell’analisi tra loro e altri ceppi di HAV sono stati valutati sequenziando la regione VP1/2A.
L’analisi dei dati ha mostrato che la maggior parte dei pazienti erano di sesso maschille (230,94%) con età media di 33 anni (range 18-76).

Il 55% dei pazienti (133) erano MSM, il 17% aveva malattia epatica cronica, il 19% era HIV-positivo, il 5% usava droghe di abuso, il 63% riferiva rapporti sessuali negli ultimi 3 mesi e il 18% di avere partner HAV positivi…”

Per continuare a leggere la news originale:

Fonte: “Epatite A, nuova diffusione anche in Italia. A cosa bisogna porre attenzione?”, PHARMASTAR

Tratto dahttps://www.pharmastar.it/news/gastro/epatite-a-nuova-diffusione-anche-in-italia-a-cosa-bisogna-porre-attenzione-26550