Il Comitato I Malati Invisibili è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

16129 Genova (IT)

Osteoporosi – Dopo una frattura, terapie non adeguate per 8 su 10

In Italia, 5 milioni di persone affette da osteoporosi sono in grave pericolo. L’80% dei pazienti con frattura non viene sottoposto alle terapie adeguate per evitarne una seconda, né ad accertamenti per verificarne le cause. Per questo, la Società Italiana dell’Osteoporosi del Metabolismo Minerale e delle Malattie dello Scheletro (Siommms), in occasione della Giornata Mondiale dell’Osteoporosi 2017, che si terrà il 20 ottobre, avverte: “la parola d’ordine dev’essere Prevenzione”

16 OTT – Otto pazienti su 10, a seguito di una frattura, non vengono sottoposti a terapia per evitarne una seconda, né ad accertamenti per verificarne le cause. Per questo la Società Italiana dell’Osteoporosi del Metabolismo Minerale e delle Malattie dello Scheletro (Siommms) lancia l’allarme, in occasione della Giornata Mondiale dell’Osteoporosi 2017, il 20 ottobre.

L’allarme degli esperti è rivolto quest’anno ai medici, in prima linea per evitare le “fratture a cascata”. Un osso rotto significa il 90% di probabilità di rompersene un altro e, infatti, il 50% delle persone con frattura da fragilità ne subisce un’altra dopo 6-8 mesi.

La proposta della Siommms è quindi di “focalizzarsi su diagnosi e terapie adeguate che possono ridurre il rischio di fratture fino al 70%, abbattendo anche il rischio di mortalità, il quale si attesta al 20-24% nel primo anno successivo alla prima frattura. Parola d’ordine è ‘Prevenzione’ non solo di rischi per il paziente ma anche di costi per il sistema sanitario nazionale.”

A rischio ci sono in Italia 5 milioni di persone affette da osteoporosi, malattia che indebolisce le ossa e le rende esposte a rottura.
Come recita la campagna dell’International Osteoporosis Foundation, “le fratture da fragilità non sono incidenti”…”

Per continuare a leggere la news originale:

Fonte: “Osteoporosi. Ne soffrono 5 milioni di persone. Dopo una frattura, terapie non adeguate per 8 su 10”, Quotidiano sanità

Tratto dahttp://www.quotidianosanita.it/scienza-e-farmaci/articolo.php?articolo_id=54787