a

Il Comitato I Malati Invisibili ONLUS è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
Via Monte Suello 1/12a – 16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

Via Monte Suello 1/12A

16129 Genova (IT)

Nevralgia del pudendo

Sinonimi: Algia del pudendo; Intrappolamento del nervo pudendo; Neuropatia del pudendo; Sindrome di Alcock.

La nevralgia del nervo pudendo è caratterizzata da un dolore perineale neurogeno cronico, secondario alla compressione del nervo pudendo nel canale pudendale (o di Alcock).

Anche se non sono state eseguite indagini epidemiologiche, la nevralgia del pudendo non sembra essere una malattia rara.

Colpisce il 4% dei pazienti con dolori che si sottopongono a una visita e interessa 7 donne ogni 3 uomini.

Quadro clinico
Il quadro clinico è caratterizzato da dolori perineali mono o bilaterali, che possono estendersi in modo variabile al perineo anteriore o posteriore.

I dolori peggiorano quando si è seduti e migliorano con la stazione eretta.

Sintomi
I sintomi scompaiono quando il paziente si pone in posizione supina e i dolori non compaiono durante la notte.

Il decorso della malattia è cronico e gli analgesici tradizionali non sono in grado di attenuare i dolori.

Cause
In molti casi, le cause della nevralgia del pudendo non sono note, anche se la malattia si associa spesso a traumi, interventi chirurgici e attività sportive (in particolare, l’uso della bicicletta).

Gli studi di imaging forniscono risultati normali, ma i test elettrofisiologici mostrano un prolungamento della latenza del nervo pudendo.

È fortemente indicativa ai fini diagnostici la risposta positiva del blocco del nervo pudendo con un’iniezione nel canale pudendo.

Trattamenti
Il blocco del nervo si dimostra efficace in 1/3-2/3 dei casi, ma i risultati sono a breve termine.

I trattamenti farmacologici sono analoghi a quelli utilizzati per il trattamento dei dolori neurogeni secondari a altre cause e gli antidepressivi e i farmaci antiepilettici possono essere utili.

Un recente studio randomizzato ha concluso che la decompressione chirurgica del nervo pudendo è il trattamento conservativo più efficace, dato che nel 71% dei pazienti si è avuto un miglioramento dei dolori a distanza di 12 mesi dall’intervento.

Tratto dahttp://www.orpha.net/consor/cgi-bin/OC_Exp.php?lng=IT&Expert=60039