a

Il Comitato I Malati Invisibili ONLUS è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
Via Monte Suello 1/12a – 16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

Via Monte Suello 1/12A

16129 Genova (IT)

Anemia perniciosa

L’anemia perniciosa è un’anemia megaloblastica causata dal malassorbimento della vitamina B12.
In questa condizione, è presente una grave atrofia delle ghiandole gastriche, con la perdita delle cellule parietali e l’incapacità a secernere il fattore intrinseco, un cofattore necessario per l’assorbimento della vitamina B12.
L’antro è risparmiato in > 80% dei pazienti (gastrite di tipo A).
Diversi reperti indicano una base immunologica o ereditaria per questa malattia.
Nell’anemia perniciosa, il 90% dei pazienti ha degli anticorpi contro le cellule parietali e i loro componenti, compresi gli anticorpi contro il fattore intrinseco e la pompa per i protoni H+, K+ -ATPasi.
Questi anticorpi sono presenti in < 20% dei pazienti affetti dalle altre forme di atrofia gastrica.
La metà dei pazienti presenta anche degli anticorpi antitiroide; per contro, gli anticorpi anticellule parietali sono osservati nel 30% dei pazienti affetti da una tiroidite.
Il 10-20% dei parenti dei pazienti affetti da anemia perniciosa, presenta un’anemia perniciosa simil gastritica e un’atrofia, con il 65% che mostra anticorpi anticellule parietali e il 20% anticorpi antifattore intrinseco.
All’anemia perniciosa può essere associata anche un’ipogammaglobulinemia.
Alcuni dati indicano, poi, che l’anemia perniciosa in alcuni pazienti può derivare anche da un’infezione cronica da H. pylori.
La gastrectomia, la cronica soppressione acida con H2-antagonisti o con gli inibitori della pompa protonica e il mixedema causano una secrezione, ugualmente insufficiente, di fattore intrinseco; raramente è congenita.
Il rischio relativo di sviluppare un adenocarcinoma gastrico sulla base di un’anemia perniciosa è tre volte maggiore rispetto ai gruppi di controllo crociati per età, anche se non è stato ancora risolto il problema della sorveglianza endoscopica per lo screening del cancro.
Finché non saranno disponibili ulteriori dati, è probabilmente ragionevole una valutazione endoscopica iniziale; le valutazioni durante il follow-up non sono, invece, necessarie se non sono presenti delle anomalie istologiche (p. es., la displasia) o non si sviluppano i sintomi.
Poiché non c’è acido, la secrezione di gastrina non viene inibita e i suoi livelli sierici sono elevati (spesso > 1000 pg/ml).
Non è necessaria alcuna terapia ad eccezione della somministrazione di vitamina B12.