a

Il Comitato I Malati Invisibili ONLUS è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
Via Monte Suello 1/12a – 16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

Via Monte Suello 1/12A

16129 Genova (IT)

Vasculiti ANCA-associate, il timing di infusione di rituximab potrebbe influenzare la gravità degli outcome di Covid-19

Le persone affette da vasculiti ANCA-associate (AAV) che sono sottoposte ad infusione con rituximab potrebbero avere un rischio più elevato di outcome severi di Covid-19 e, pertanto, dovrebbero essere soggetti a priorità per la vaccinazione anti-Covid, stando ai risultati di un recente case-report pubblicato sulla rivista Rheumatology

Razionale e disegno dello studio
Come ricordano i ricercatori nella pubblicazione breve sopra citata, le vasculiti ANCA-associate si manifestano quando alcuni anticorpi autoreattivi, noti come anticorpi citoplasmatici anti-neutrofili (ANCA) danneggiano i vasi sanguigni di piccolo calibro in organi diversi. Le due potreine bersaglio più frequentemente “aggredite” risultano essere la proteinasi 3 (PR3) e la mieloperossidasi (MPO).

Rituximab, come è noto, riduce l’infiammazione sopprimendo le cellule B, deputate alla produzione di anticorpi e viene utilizzato per trattare le granulomatosi con poliangiti (GPA) e le poliangiti microscopiche (MPA), due sottotipi di AAV.

In ragione della capacità del farmaco di depletare le cellule B che sono importanti per combattere le infezioni nell’organismo, appare chiaro che il suo impiego continuativo può aumentare il rischio di infezioni, comprese quelle sostenute da SARS-CoV-2, responsabile della pandemia di Covid-19.

Dati recenti provenienti dal the COVID-19 Global Rheumatology Alliance physician-reported registry hanno già identificato l’esistenza di una forte associazione tra l’impiego di RTX ed outcome peggiori nei pazienti affetti da malattie reumatologiche.

Tuttavia, fino ad oggi, non era stata ancora condotta un’analisi dei dati di questo registro che avesse studiato approfonditamente il ruolo in questa associazione del timing esatto di somministrazione di RTX, come pure la valutazione dei livelli anticorpali e dei trattamenti immunosoppressivi pregressi…”

Per continuare a leggere la news originale:

Fonte: “Vasculiti ANCA-associate, il timing di infusione di rituximab potrebbe influenzare gli outcome di Covid-19”, PHARMASTAR

Tratto da: https://www.pharmastar.it/news//orto-reuma/vasculiti-anca-associate-il-timing-di-infusione-di-rituximab-potrebbe-influenzare-gli-outcome-di-covid-19-35061