a

Il Comitato I Malati Invisibili ONLUS è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
Via Monte Suello 1/12a – 16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

Via Monte Suello 1/12A

16129 Genova (IT)

Lupus – Livelli ematici non elevati di idrossiclorochina riducono il rischio trombotico

Il mantenimento di livelli medi di idrossiclorochina nel sangue >1.068 ng/ml riduce in modo significativo il rischio trombotico in pazienti adulti con lupus eritematoso sistemico. Questi i risultati principali di uno studio osservazionale condotto su 739 pazienti e recentemente pubblicato su Arthritis & Rheumatology

Razionale e disegno dello studio
Il potenziale effetto protettivo anti-trombotico della idrossiclorochina (HCQ) nel trattamento dei pazienti con LES è stato già suggerito in studi precedentemente pubblicati in letteratura, ricordano i ricercatori nell’introduzione allo studio.

Diversi i meccanismi invocati per spiegare queste osservazioni – dall’effetto antipiastrinico alla riduzione degli anticorpi antifosfolipidi e, last but not least, all’effetto reologico positivo. Inoltre, HCQ, aggiungono i ricercatori, riduce l’incidenza di fattori di comorbilità come il diabete e l’iperlipidemia.

Fino ad ora, però, non era noto il dosaggio ottimale in grado di giustificare anche questi benefici, oltre al trattamento del LES.

Su questi presupposti è stato concepito il nuovo studio, nel corso del quale i ricercatori hanno esaminato i dati sui livelli di HCQ in 739 pazienti lupici facenti parte di una coorte osservazionale di pazienti Usa (the Hopkins Lupus Cohort), utilizzata per studi su diversi outcome in questi pazienti, al fine di valutare la passibilità di predire il rischio trombotico dall’analisi dei livelli ematici di farmaco.

L’età media dei pazienti sottoposti alle misurazioni di HCQ partiva da 43 anni, con un 93% di pazienti di sesso femminile e il 46% di etnia causasica. I pazienti erano stati sottoposti a visita clinica a cadenza trimestrale, mentre i livelli di HCQ sono stati determinati mediante spettrometria di massa in tandem con tecniche di cromatografia liquida.

Risultati principali
Su 739 pazienti considerati della coorte in studio, 38 (pari al 5,1%) avevano sviluppato trombosi nel corso del follow-up…”

Per continuare a leggere la news originale:

Fonte: “Lupus, livelli ematici elevati di idrossiclorochina e rischio trombotico: quale relazione?”, PHARMASTAR

Tratto da: https://www.pharmastar.it/news//orto-reuma/lupus-livelli-ematici-elevati-di-idrossiclorochina-e-rischio-trombotico-quale-relazione-34326