a

Il Comitato I Malati Invisibili ONLUS è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
Via Monte Suello 1/12a – 16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

Via Monte Suello 1/12A

16129 Genova (IT)

Parkinson a esordio precoce – Sarà possibile identificare la malattia prima della nascita

Una ricerca pubblicata su Nature Medicine mostra che alcuni pazienti affetti da malattia di Parkinson precoce, con esordio prima dei 50 anni, mostrerebbero delle anomalie a livello cellulare già prima della nascita

“Il Parkinson precoce colpisce le persone nel fiore degli anni”, spiega Michele Tagliati, direttore del Programma per i Disturbi del Movimento, vice presidente e professore del Dipartimento di Neurologia del Cedars-Sinai Medical Center. “Questa nuova ed entusiasmante ricerca ci fa sperare che un giorno saremo in grado di individuare e di intervenire tempestivamente per prevenire questa malattia nelle persone a rischio”.

La malattia di Parkinson è molto comune soprattutto fra gli anziani, causata da molteplici fattori genetici e ambientali. In tutto il mondo si stimano tra i sette e i dieci milioni di persone affette da Parkinson, 250mila solo in Italia. Di questi, circa il 10% soffre di Parkinson già prima dei 50 anni, con numerosi casi intorno ai venti.

Per realizzare lo studio, il team di ricerca ha sviluppato delle cellule staminali pluripotenti indotte (iPSC), partendo da cellule di pazienti con Parkinson giovanile. Questo processo consiste nel portare le cellule del sangue adulto “indietro nel tempo” ad uno stato embrionale primitivo. Queste iPSC possono quindi produrre qualsiasi tipo di cellula del corpo umano, tutte geneticamente identiche alle cellule del paziente. Il team ha usato le iPSC per produrre neuroni dopaminergici dei vari pazienti analizzandone le funzioni.

“La nostra metodica ci ha permesso di vedere come i neuroni dopaminergici avrebbero potuto funzionare bene fin dall’inizio della vita di un paziente”, ha spiegato Clive Svendsen, direttore del Cedars-Sinai Board of Governors Regenerative Medicine Institute e professore di Scienze Biomediche e Medicina al Cedars-Sinai…”

Per continuare a leggere la news originale:

Fonte: “Parkinson: è possibile identificare la malattia prima della nascita?”, PHARMASTAR

Tratto da: https://www.pharmastar.it/news/neuro/parkinson-possibile-identificare-la-malattia-prima-della-nascita-31205