a

Il Comitato I Malati Invisibili ONLUS è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
Via Monte Suello 1/12a – 16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

Via Monte Suello 1/12A

16129 Genova (IT)

Demenze – La Doll Therapy migliora la stimolazione sensoriale

La Doll Therapy consiste nel fornire una bambola con precise caratteristiche antropomorfe (in relazione a peso, altezza, espressione facciale ed in quanto tali molto realistiche) a pazienti affetti da demenza durante delle specifiche sessioni terapeutiche. L’utilizzo della doll therapy in questo target di pazienti si sta diffondendo sempre di più come intervento per ridurre tutti i disturbi psicologici, sociali e comportamentali che affliggono le persone affette da demenza

Terapia della bambola, un aiuto alle persone con demenza

Il concetto terapeutico che si cela dietro l’utilizzo della bambola nella Doll Therapy si basa sulla teoria dell’attaccamento. Sebbene questa teoria si riferisca generalmente ai bambini, alcuni studiosi l’hanno applicata anche alle persone con demenza.

L’”attaccamento” si realizzerebbe, infatti, in situazioni con forte stress, non familiari e con elevato senso di insicurezza; tutti elementi presenti nei pazienti con demenza. La bambola potrebbe fungere da “oggetto transizionale”, un’ancora in un momento di incertezza simile a quella dei bambini nella fase di ingresso nell’età adulta.

La maggior parte dei sintomi psicologici e comportamentali dei pazienti con demenza come il ripetere la medesima domanda, piangere, ricercare il contatto fisico possono essere letti tutti come dei modi per soddisfare il loro bisogno di attaccamento. La bambola, in questi casi, potrebbe soddisfare il bisogno di vicinanza, contatto e rassicurazione, riducendo conseguentemente i suddetti sintomi psicologici e comportamentali.

Le bambole da doll therapy possono, inoltre, riportare alla memoria emozioni e vissuti riguardo l’esperienza di genitorialità, promuovendo sensazioni relative alle proprie capacità, quiete e benessere.

La doll therapy migliora la stimolazione sensoriale attraverso l’utilizzo del tatto e le capacità comunicative di chi la utilizza. Alcuni ricercatori hanno evidenziato anche un aumento dell’autostima degli utenti, sviluppatosi attraverso attività di cura nei confronti della bambola (come cantare delle ninne nanne) e un maggiore senso sicurezza.

È possibile che con questo utilizzo terapeutico le persone instaurino un legame con la bambola, simile ad un senso di protezione materno, cambiandole i vestiti, nutrendola e prendendosi cura di lei. Questa attività di cura è stata associata anche ad un aumento del senso di cura verso sé stessi e ad un miglioramento nelle attività svolte in autonomia.

Benefici della Doll Therapy

Diversi studi hanno riportato benefici in relazione all’utilizzo della bambola tra cui:

  • Riduzione dello stato di agitazione, dell’aggressività, del wandering (vagare in maniera confusa verso una meta imprecisata)
  • Aumento del livello di relazioni sociali e con l’ambiente esterno, dello stato di benessere della persona
  • Promozione di comportamenti positivi

Questi studi hanno anche indagato la percezione dei sanitari coinvolti – spesso infermieri – e dei caregiver. Ambedue le categorie sono mediamente propense a tale utilizzo, poiché riscontrano la riduzione dello stress correlato alla patologia sia da parte del paziente che di coloro che lo assistono…”