a

Il Comitato I Malati Invisibili ONLUS è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
Via Monte Suello 1/12a – 16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

Via Monte Suello 1/12A

16129 Genova (IT)

Broncopneumopatia cronica ostruttiva (Bpco) – Esiste un legame con l’assunzione acidi grassi

Stando ad uno studio pubblicato recentemente su The Annals of the American Thoracic Society, esisterebbe un’associazione inversa tra l’assunzione di acidi grassi polinsaturi omega-6 (PUFA) e la salute respiratoria in pazienti affetti da broncopneumopatia cronica ostruttiva (Bpco), confermando osservazione precedenti di un ruolo dei PUFA nell’influenzare gli outcome respiratori, oltre a modulare la risposta infiammatoria

Gli autori della nuova pubblicazione, in particolare, hanno voluto esplorare in modo più approfondito la relazione esistente tra l’assunzione di PUFA omega-3 – es: acido alfa-linoleico (ALA). eicosapentanoico (EPA) e docosaesanoico (DHA) – o di PUFA omega-6 – es: acido linoleico (LA) e arachidonico (AA) – con la salute respiratoria in pazienti ex fumatori, affetti da Bpco moderata-severa.

Sono stati reclutati 112 pazienti tra il 2014 e il 2018. Questi, avevano un’età ≥40 anni, una percentuale predetta del rapporto FEV1/FVC post-broncodilatazione <80% ed erano stati fumatori in passato.

La valutazione del regime dietetico è stata effettuata mediante utilizzo di una griglia modificata nel 2007 di un questionario strutturato ad hoc (the Willett Food Frequency Questionnaire), per determinare l’assunzione media giornaliera di tutti i nutrienti assunti sotto forma di alimenti o supplementazioni nel corso dell’anno precedente.

In particolare, l’assunzione di PUFA è stata classificata nel modo seguente:
– Assunzione totale omega-3 (EPA+DHA+ALA)
– Assunzione totale omega-6 (LA+AA)
– Rapporto omega-6/omega-3

Sono stati analizzati gli outcome di salute respiratoria mediante l’impiego di una scala modificata MRC (Medical Research Council) per le alterazioni funzionali causate dalla dispnea, del test di valutazione della Bpco, del St. George’s Respiratory Questionnaire e del Questionario Clinico della Bpco per determinare la qualità della vita (QoL) specificamente legata alla salute respiratoria…”

Per continuare a leggere la news originale:

Fonte: “Bpco e assunzione acidi grassi, esiste un legame?”, PHARMASTAR

Tratto da: https://www.pharmastar.it/news/pneumo/bpco-e-assunzione-acidi-grassi-esiste-un-legame-30936