a

Il Comitato I Malati Invisibili ONLUS è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
Via Monte Suello 1/12a – 16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

Via Monte Suello 1/12A

16129 Genova (IT)

Decadimento cognitivo – La Pet Amiloide può diagnosticare precocemente l’Alzheimer

Prof.ssa Angela Spanu, direttore della Medicina nucleare dell’Aou di Sassari: “Grazie a questa nuova indagine sarà possibile risolvere i casi più complessi di decadimento cognitivo lieve con possibile malattia di Alzheimer”

Sassari – Consente di visualizzare e localizzare ‘in vivo’ la densità delle placche neuritiche di beta amiloide nel cervello di pazienti che presentano un decadimento cognitivo e sui quali è stata fatta una prima valutazione per la malattia di Alzheimer o che presentano altre cause di decadimento cognitivo.

Si tratta della Pet Amiloide, una nuova indagine diagnostica altamente sofisticata, innovativa e avanzata impiegata per lo studio dei pazienti con decadimento cognitivo in fase iniziale. Proprio nei giorni scorsi l’unità operativa complessa di Medicina nucleare dell’Aou di Sassari l’ha introdotta nella pratica clinica.

Le patologie neurodegenerative, con il costante innalzamento dell’età media, stanno diventando una delle nuove emergenze in ambito socio-sanitario. In Italia, vi sono circa 1 milione di persone affette da demenza e circa 900 mila persone affette da una condizione a rischio definita come mild cognitive impairment, cioè decadimento cognitivo lieve. In Sardegna, le persone affette da demenza sono circa 20.000, metà delle quali colpite da Alzheimer.

“Questi numeri, purtroppo – afferma la prof.ssa Angela Spanu, direttore della Medicina nucleare dell’Aou di Sassari – sono destinati ad aumentare per cui appare sempre più necessaria l’esigenza di una diagnosi precoce per adottare misure volte alla prevenzione e a ritardare l’esordio della disabilità”.

La Pet Amiloide è un’indagine diagnostica di secondo livello, che viene richiesta dallo specialista neurologo che ha in cura il paziente. È utilizzata quando la causa del deterioramento cognitivo rimane incerta, anche dopo il completamento di una valutazione clinica e strumentale standard.

L’accumulo di proteina beta-amiloide cerebrale è noto essere uno dei principali processi patologici della malattia di Alzheimer. “Grazie a questa nuova indagine – aggiunge la docente – sarà possibile risolvere i casi più complessi di decadimento cognitivo lieve con possibile malattia di Alzheimer. In particolare, un esame negativo è indicativo, con alta probabilità, di assenza di placche o di un carico di amiloide scarso, il che è poco compatibile con una diagnosi di malattia di Alzheimer”…”

Per continuare a leggere la news originale:

Fonte: “Decadimento cognitivo: la Pet Amiloide può diagnosticare precocemente l’Alzheimer”, insalutenews

Tratto da: https://www.insalutenews.it/in-salute/decadimento-cognitivo-la-pet-amiloide-puo-diagnosticare-precocemente-lalzheimer/