a

Il Comitato I Malati Invisibili ONLUS è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
Via Monte Suello 1/12a – 16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

Via Monte Suello 1/12A

16129 Genova (IT)

Ittiosi follicolare – alopecia – fotofobia (IFAP)

Sinonimi: Ittiosi follicolare – atrichia – fotofobia; Sindrome IFAP

Definizione

L’ittiosi follicolare – alopecia – fotofobia (IFAP) è una malattia genetica rara caratterizzata sin dalla nascita dalla triade ittiosi follicolare, alopecia e fotofobia.

Dati epidemiologici

La prevalenza non è nota. Sono stati descritti circa 40 casi. L’IFAP interessa prevalentemente i maschi. Le femmine portatrici possono presentare alcuni segni della malattia.

Descrizione clinica

Tutti i pazienti presentano ittiosi follicolare congenita, alopecia che interessa il cuoio capelluto, le sopracciglia e le ciglia, e fotofobia (nel primo anno di vita, durante il periodo neonatale o la prima infanzia).

L’ittiosi follicolare è caratterizzata da diffuse proiezioni follicolari simil-spinose non infiammatorie. Le papule discheratosiche sono più marcate a livello dei muscoli estensori degli arti e del cuoio capelluto e si distribuiscono simmetricamente. Un altro segno caratteristico è l’alopecia universale non cicatrizionale.

Nei neonati può essere presente una membrana di collodio di entità variabile. Possono essere presenti placche psoriasiformi, cheilite angolare, infiammazione periungueale, unghie distrofiche, ipoidrosi ed eczema atopico. I palmi delle mani e le piante dei piedi non sono in genere interessati.

L’ulcera e la vascolarizzazione superficiale a livello della cornea possono causare una progressiva cicatrizzazione corneale.

I maschi affetti vanno incontro ad una progressione inesorabile della vascolarizzazione con perdita della vista. Sono stati descritti anche infiammazione da cheratocongiuntivite atopica, lacrimazione cronica, cataratta, nistagmo orizzontale, astigmatismo e miopia.

In alcuni casi, sono stati osservati deficit cognitivo lieve-grave, bassa statura, microcefalia, convulsioni, dismorfismi (fronte prominente, atresia delle coane, orecchie grandi), schisi delle mani, anomalie intestinali (onfalocele, malattia di Hirschsprung o megacolon aganglionare congenito, stenosi dell’intestino tenue, ernia inguinale), anomalie renali, vertebrali e cardiopatie.

Sono comuni le infezioni ricorrenti. I genitali esterni sono di solito normali: sono stati descritti pochi casi di criptorchidismo e uno solo caso di ipospadia. Le femmine portatrici o affette possono presentare sintomi più lievi (lesioni cutanee ipercheratosiche che seguono le linee di Blaschko, distribuzione asimmetrica dei peli sul corpo, alopecia areata).

Dati eziologici

La malattia è dovuta alle mutazioni del gene MBTPS2 (Xp22.12-p.22.11), che causano difetti nell’omeostasi e nella risposta del colesterolo da stress del reticolo endoplasmatico.

Metodi diagnostici

La diagnosi si basa sui segni clinici e sull’esame del gene MBTPS2.

Diagnosi differenziale

La diagnosi differenziale si pone con la sindrome dermotrichica, la displasia mucoepiteliale ereditaria, la cheratite – ittiosi – sordità (sindrome KID) e la cheratosi follicolare spinulosa decalvante.

Diagnosi prenatale

L’IFAP non può essere identificata con l’ecografia prenatale. Se la mutazione è stata individuata in una madre portatrice, può essere proposta la diagnosi prenatale.

Consulenza genetica

La trasmissione è recessiva legata all’X. La mutazione può originare de novo. Sono stati descritti pochi casi a trasmissione autosomica dominante.

Presa in carico e trattamento

L’ipercheratosi follicolare può essere trattata con cheratolitici topici, emollienti e preparati a base di urea. In alcuni pazienti è stata riscontrata una moderata risposta alla terapia con acitretina. È essenziale la lubrificazione massiva della superficie oculare. La vascolarizzazione corneale non risponde ai corticosteroidi topici.

Prognosi

La prognosi è variabile. Alcuni pazienti muoiono durante il periodo neonatale, mentre altri hanno un’attesa di vita normale. Tuttavia, nella maggior parte dei pazienti, la cecità progressiva esita nella perdita di autonomia. Le complicazioni cardiopolmonari sono la causa principale di decesso.

Tratto da: Orphanet