a

Il Comitato I Malati Invisibili ONLUS è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
Via Monte Suello 1/12a – 16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

Via Monte Suello 1/12A

16129 Genova (IT)

Carcinoma ovarico avanzato di nuova diagnosi – Mantenimento con niraparib in prima linea ritarda la progressione

Le pazienti con carcinoma ovarico avanzato di nuova diagnosi che sono state trattate con niraparib dopo aver risposto alla chemioterapia di prima linea a base di platino hanno ottenuto un miglioramento di 5,6 mesi della sopravvivenza libera da progressione (PFS) e una riduzione significativa, pari al 38%, del rischio di progressione della malattia o decesso rispetto a pazienti simili trattate con un placebo

È questo il risultato principale dello studio di fase 3 PRIMA, presentato a Barcellona al congresso della European Society for Medical Oncology (ESMO) e pubblicato in contemporanea sul New England Journal of Medicine.

Il beneficio è risultato ancora maggiore nella popolazione con deficit della riparazione del DNA mediante ricombinazione omologa (HRD), nella quale la riduzione del rischio di progressione o decesso è risultata del 57%.

Miglioramento significativo della PFS con niraparib
«Il mantenimento con niraparib nelle pazienti con carcinoma ovarico avanzato ha portato a un miglioramento clinicamente significativo della PFS dopo la risposta alla chemioterapia di prima linea a base di platino in tutte le pazienti» ha affermato l’autore principale dello studio, Antonio Gonzalez-Martin, del Grupo Español de Investigación en Cáncer de Ovario (GEICO) e della Clinica Universidad di Navarra.

«Niraparib è il primo inibitore di PARP a dimostrare un beneficio nei diversi sottogruppi dopo la chemioterapia a base di platino in prima linea, coerentemente con quanto osservato in studi clinici precedenti sul farmaco nel carcinoma ovarico ricorrente» ha aggiunto il professore…”

Per continuare a leggere la news originale:

Fonte: “Tumore dell’ovaio avanzato, mantenimento con niraparib in prima linea ritarda la progressione.#ESMO19”, PHARMASTAR

Tratto da: https://www.pharmastar.it/news/oncoemato/tumore-dellovaio-avanzato-mantenimento-con-niraparib-in-prima-linea-ritarda-la-progressioneesmo19-30690