a

Il Comitato I Malati Invisibili ONLUS è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
Via Monte Suello 1/12a – 16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

Via Monte Suello 1/12A

16129 Genova (IT)

Pseudoartrosi – Soluzioni sempre più mirate e mininvasive

Milano, 15 marzo 2019 – Una frattura che nell’arco di sei mesi non si consolida, accompagnata da dolore che limita il movimento e che impedisce di svolgere le attività quotidiane: sono questi i principali segnali della pseudoartrosi, complicanza rara delle fratture che da oggi verrà trattata nel nuovo ambulatorio di alta specializzazione all’IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi.

La pseudoartrosi è un’alterazione dei processi spontanei di guarigione di una frattura. Interessa principalmente la tibia, l’ulna, l’omero, lo scafoide carpale e il quinto metatarso, poiché si tratta di aree in cui la vascolarizzazione è scarsa e la frattura ne compromette ulteriormente il flusso sanguigno.

I principali fattori di rischio sono correlati all’età del paziente, ad alcune patologie come il diabete e le neuropatie, al fumo, all’utilizzo di alcuni farmaci (ed esempio FANS e cortisonici), ad alterazioni metaboliche o difetti nutrizionali, a cui poi si sommano le specifiche caratteristiche della frattura (tipologia, localizzazione, danni ai tessuti, perdita ossea, ecc.) che possono rendere il quadro generale più o meno complesso. Nonostante il corretto trattamento delle fratture in alcuni casi (2-3%) si va incontro a pseudoartrosi e ciò significa che alla base di tale complicanza esistono dei meccanismi patogenetici ancora sconosciuti.

L’ambulatorio dell’IRCCS Galeazzi, inaugurato oggi, mira a individuare, classificare e trattare tutte le tipologie di pseudoartrosi: atrofiche, tipiche dell’arto superiore; ipertrofiche, legate all’instabilità meccanica e avascolari, caratterizzate dalla mancanza di vascolarizzazione.

Accanto ai trattamenti più conosciuti ed utilizzati per la cura di questa patologia, come il trattamento conservativo mediante l’impiego di terapie fisiche (onde d’urto focalizzate e campi elettromagnetici pulsanti) e il trattamento chirurgico che si avvale di tecniche diverse, come la fissazione esterna e la fissazione interna, all’IRCCS Galeazzi l’attenzione sarà rivolta alle biotecnologie…”

Per continuare a leggere la news originale:

Fonte: “Pseudoartrosi: dalla medicina rigenerativa soluzioni sempre più mirate e mininvasive”, insalute news

Tratto dahttps://www.insalutenews.it/in-salute/pseudoartrosi-dalla-medicina-rigenerativa-soluzioni-sempre-piu-mirate-e-mininvasive/