a

Il Comitato I Malati Invisibili ONLUS è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
Via Monte Suello 1/12a – 16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

Via Monte Suello 1/12A

16129 Genova (IT)

Hiv – Non rilevabile è uguale a non trasmissibile

Negli ultimi anni un numero importante di evidenze cliniche ha stabilito per l’Hiv la validità scientifica del concetto Non osservabile = Non trasmissibile (U=U, Undetectable = Untransmittable). Significa che le persone che vivono con l’HIV e che raggiungono e mantengono una carica virale ematica non rilevabile, tramite l’aderenza alla terapia antiretrovirale prescritta, non possono trasmettere sessualmente il virus ad altri

È quanto emerge da un articolo pubblicato su JAMA che ha tra i firmatari anche Anthony Fauci, uno scienziato conosciuto in tutto il mondo e a capo del National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAD).

Nel 2016, la Prevention Access Campaign, un’iniziativa sulla salute che aveva l’obiettivo di porre fine alla pandemia di HIV/AIDS e al relativo stigma, ha lanciato l’iniziativa Non osservabile = Non trasmissibile. Questo concetto ha vaste implicazioni per il trattamento dell’infezione da HIV dal punto di vista della salute pubblica e scientifica, per l’autostima degli individui grazie alla riduzione dello stigma associato all’infezione, e per alcuni aspetti legali della criminalizzazione dell’HIV.

Il successo delle triple combinazioni di antiretrovirali

Il passo avanti fondamentale nella terapia dell’HIV/AIDS risale al 1996 con l’avvento delle triple combinazioni di farmaci antiretrovirali (ART), compresi gli inibitori della proteasi di nuova concezione. Questi regimi terapeutici hanno portato a una sostanziale e durevole riduzione della carica virale in un’alta percentuale di pazienti, solitamente al di sotto del livello di rilevazione nel plasma. Anche se a quel tempo non era evidente, scrivono gli autori, il raggiungimento di una carica virale durevolmente non rilevabile era probabilmente il preludio a rendere di fatto una realtà il concetto U = U.

Fauci e colleghi riassumono nell’articolo i risultati di ampi trial clinici e studi di coorte a supporto del paradigma.

Nel 2011 la sperimentazione clinica HIV Prevention Trials Network (HPTN) 052, finanziata dal NIH, ha dimostrato l’efficacia del trattamento preventivo grazie a una riduzione del 96,4% della trasmissione di HIV tra le coppie eterosessuali sierodifferenti, quando il partner infetto aveva una carica virale soppressa in modo durevole. In seguito gli studi PARTNER e Opposites Attracthanno confermato questi risultati e li hanno estesi alle coppie maschio-maschio.

La convalida del trattamento dell’HIV come strategia di prevenzione e l’accettazione del concetto U = U come scientificamente valido hanno numerose implicazioni comportamentali, sociali e legali, fanno notare i funzionari del NIAID. Oltre ad aiutare a controllare la pandemia di HIV prevenendo la trasmissione dell’infezione, può ridurre lo stigma a cui sono sottoposte molte persone con HIV.

Il successo di U = U come metodo di prevenzione dell’HIV dipende dal raggiungimento e dal mantenimento di una carica virale non rilevabile assumendo l’ART ogni giorno come prescritto. Numerosi fattori, come l’impossibilità di accedere a un’assistenza sanitaria di qualità, possono rendere difficile l’aderenza alla terapia con ART. Pertanto, per migliorare il successo complessivo di U = U, gli autori sottolineano l’importanza di implementare programmi che aiutino i pazienti a rimanere in cura e ad affrontare gli ostacoli all’assunzione quotidiana della terapia.

Principi per ottenere e mantenere un carico virale non rilevabile

  • Affinché la terapia antiretrovirale fornisca il massimo beneficio, è essenziale che i farmaci vengano assunti come prescritto.
  • Il raggiungimento di una carica virale non rilevabile può richiedere fino a 6 mesi di terapia con ART. Una volta raggiunta, è necessario continuare ad assumere con costanza il trattamentro.
  • Secondo le linee guida del Department of Health and Human Services, i test di carica virale devono essere eseguiti ogni 3-4 mesi dopo che il livello di HIV-1 Rna nel plasma non viene più rilevato
  • L’interruzione della terapia annulla la validità del paradigma U = U…”

Per continuare a leggere la news originale:

Fonte: “Hiv non rilevabile uguale non trasmissibile. Lo conferma uno studio su JAMA”, PHARMASTAR

Tratto dahttps://www.pharmastar.it/news/altri-studi/hiv-non-rilevabile-uguale-non-trasmissibile-lo-conferma-uno-studio-su-jama-28506