a

Il Comitato I Malati Invisibili ONLUS è presente e attivo nel territorio nazionale da aprile 2014.

(+39) 000 0000 000

info@imalatiinvisibili.it
Via Montesuello 1/12a – 16129 Genova (IT)

Salva

Articoli recenti

CF 95173870106

info@imalatiinvisibili.it

Via Montesuello 1/12A

16129 Genova (IT)

Uveite associata ad JIA – ‘Adalimumab’ risulta efficace

Adalimumab rappresenta un trattamento efficace e sicuro in pazienti con uveite associata ad artrite idiopatica giovanile (JIA) cronica, ad insorgenza precoce, o nell’uveite anteriore idiopatica, con risposta non soddisfacente agli steroidi per via topica e al MTX. Queste le conclusioni di ADJUVITE (Effect of Adalimumab for the Treatment of Uveitis in Juvenile Idiopathic Arthritis), un trial randomizzato, in doppio cieco, controllato vs. placebo, di recente pubblicazione su ARD

Lo studio ha documentato, peraltro, l’utilità della fotometria “laser flare” (LFP) per la valutazione precoce dell’efficacia del trattamento.

Razionale dello studio
La JIA rappresenta la malattia reumatica di più frequente riscontro in età pediatrica e si stima che una percentuale di pazienti compresa tra il 12 e il 38% sviluppi uveite a 7 anni dall’insorgenza di artrite, ricordano gli autori nell’introduzione allo studio.

Inoltre, al netto delle migliori opzioni di trattamento attualmente disponibili, fino al 15% di questi individui va incontro a cecità legale.

Adalimumab è un farmaco anti-TNF di provata efficacia nelle artriti: il suo impiego nelle uveiti associate a JIA, proprio di questo studio, è stato sollecitato dalle dimostrazioni di provata efficacia nei bambini con artrite reumatoide attiva.

Nello studio ADJUVITE, 31 pazienti di età uguale o superiore a 4 anni, con infiammazione oculare misurata mediante LFP (≥30 unità fotoniche/ms), sono stati randomizzati al trattamento sottocute con adalimumab (24 mg/m2 in quelli di età inferiore a 13 anni, 40 mg/m2 in quelli di età superiore) a cadenza quindicinale per 2 mesi.

Dopo un bimestre di trattamento in doppio cieco con l’inibitore di TNF-alfa o placebo, tutti i pazienti del trial sono entrati in una fase di trattamento “in aperto”, della durata di 10 mesi, che prevedeva la somministrazione di adalimumab.

La misura di outcome primario dello studio era rapprentata dalla risposta al trattamento assegnato a 2 mesi, definita come riduzione percentuale del 30% della infiammazione rilevata mediante LFP nella parte oculare accessibile, associata a infiammazione al basale più severa e assenza di peggioramento al test con lampada a fessura.

Risultati principali
A 2 mesi dall’inizio del trattamento assegnato, il numero di responder è stato pari a 9 (su 16) nel gruppo adalimumab e a 3 (su 15) nel gruppo placebo (p=0,038; RR= 2,81; IC95%= 0,94-8,45); differenza del rischio= 36,3%…”

Per continuare a leggere la news originale:

Fonte: “Uveite associata ad JIA, documentata efficacia di adalimumab”, PHARMASTAR

Tratto dahttps://www.pharmastar.it/news/orto-reuma/uveite-associata-ad-jia-documentata-efficacia-di-adalimumab-25983